La triplice porta dell’inferno

Inchiodati a una inquietudine incommensurabile che ha termine soltanto con la morte, avendo per fine ultimo il godimento degli oggetti della loro passione, convinti che in questo stia la misura di tutte le cose, incatenati da centinaia di speranze intralcianti, aventi per vie d’elezione la cupidigia e la collera, essi si adoprano a ottenere il godimento degli oggetti dei loro desideri e ad accumulare ingiustamente ricchezze.
Questa è la triplice porta dell’inferno che distrugge il Sé: libidine, collera e anche cupidigia; si deve rinunciare a questa triade.

Crediti
 • Bhagavad Gita •
 • SchieleArt • Imagno  • 1914 •

Similari
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
225% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯

Egon Schiele ⋯ Wally in roter bluseLa grande arte fa il vuoto
51% Camille DumouliéSchiele Art
La grande arte non è nella mancanza, la grande arte fa il vuoto. Non nasce dal Nulla, ma, al contrario, da una potenza inaudita di vita che spezza tutte le catene dell’evoluzione e della storia, dell’essere e della presenza. Nel mondo troppo pieno di disc⋯

Egon Schiele ⋯ Della virtù che rimpiccolisce
42% ArticoliFriedrich NietzscheSchiele Art
Zarathustra fu di nuovo sulla terra ferma, non corse subito alla sua montagna e alla sua grotta, ma fece molte strade e domande e si informò di questo e di quello, così che diceva a se stesso scherzando: ‹‹Ecco un fiume, che per mille curve rifluisce alla⋯

Egon Schiele ⋯ Self-PortraitIl mio discorso su Amore
35% FilosofiaPlatoneSchiele Art
Ciascuno di noi è dunque come un contrassegno d’uomo, tagliato com’è, a somiglianza delle sogliole, da uno in due; e cerca quindi sempre il contrassegno a lui corrispondente. Ora, tutti quegli uomini che sono frazione del sesso comune, quello che allora s⋯

Egon Schiele ⋯ Stehendes MädchenIl coraggio e la forza
28% Schiele ArtThomas Bernhard
Mi illudevo di non aver bisogno di nessuno, mi illudo ancora oggi. Non avevo bisogno di nessuno, e quindi non avevo nessuno. Ma ovviamente abbiamo bisogno di una persona, altrimenti diventiamo inevitabilmente come sono diventato io: difficile, insopportab⋯

Egon Schiele ⋯ Woman with two childrenPeccato e morte come apparenze dell’illusione
27% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Per diventare partecipi della pace di Dio (ossia perché sorga la coscienza migliore) bisogna che l’uomo, quest’essere caduco, finito, nullo, sia qualcosa di totalmente diverso, che non sia più nient’affatto uomo, ma che divenga consapevole di sé come qual⋯