La tua città, che di colui è pianta
La tua città, che di colui è pianta
che pria volse le spalle al suo fattore
e di cui è la ‘nvidia tanto pianta,
produce e spande il maladetto fiore
c’ha disvïate le pecore e li agni,
però che fatto ha lupo del pastore.
Per questo l’Evangelio e i dottor magni
son derelitti, e solo ai Decretali
si studia, sì che pare à lor vivagni.
A questo intende il papa è cardinali;
non vanno i lor pensieri a Nazarette,
là dove Gabrïello aperse l’ali.
Ma Vaticano e l’altre parti elette
di Roma che son state cimitero
a la milizia che Pietro seguette,
tosto libere fien de l’avoltero.

Crediti
 Dante Alighieri
  Folchetto di Marsiglia
 Pinterest • Gustave Doré  • The Dore Gallery of Bible Illustrations




Quotes per Dante Alighieri

Ahi Pistoia, Pistoia, ché non stanzi
d'incenerarti sì che più non duri,
poi che 'n mal fare il seme tuo avanzi?

Facesti come quei che va di notte,
che porta il lume dietro e sé non giova,
ma dopo sé fa le persone dotte.

L'animo mio, per disdegnoso gusto,
credendo col morir fuggir disdegno,
ingiusto fece me contra me giusto.

Ond'io, che solo innanzi a lì altri parlo,
ti priego, se mai vedi quel paese
che siede tra Romagna e quel di Carlo [Carlo II d'Angiò],
che tu mi sie di tuoi prieghi cortese
in Fano, sì che ben per me s'adori
pur ch'i' possa purgar le gravi offese.

Lume v'è dato a bene e a malizia.  Purgatorio, Canto XVI