Egon Schiele ⋯

Nel mondo liquido-moderno la solidità delle cose, come la solidità dei legami umani, è vista come una minaccia: qualsiasi giuramento di fedeltà, qualsiasi impegno a lungo termine (tanto più se a tempo indeterminato) preannuncia un futuro gravido di obblighi che limitano la libertà di movimento e riducono la capacità di cogliere nuove opportunità (che ancora non si conoscono) non appena esse (inevitabilmente) si presenteranno.
La prospettiva che ci venga rifilata un’unica cosa per tutta la vita è assolutamente ripugnante e spaventosa. E ciò non sorprende, poiché si sa che persino gli oggetti del desiderio invecchiano presto, perdono lustro in un attimo e da segno d’onore si trasformano in marchio d’infamia. I direttori delle riviste patinate hanno sempre il polso della situazione: insieme alle informazioni sulle cose nuove «assolutamente da fare» e «assolutamente da avere» propinano regolarmente ai loro lettori consigli su «ciò che è superato» e va gettato via.
Il nostro mondo ricorda sempre più Leonia, «Le città invisibili» di Italo Calvino dove «più che dalle cose che ogni giorno vengono fabbricate, vendute, comprate, l’opulenza si misura dalle cose che ogni giorno vengono buttate via per far posto alle nuove».
La gioia di «liberarsi» di qualcosa, l’atto di scartare e gettare tra i rifiuti, è la vera passione del nostro mondo.
La capacità di durare non depone più a favore di qualcosa.
Agli oggetti e ai legami si chiede di servire a tempo determinato, e una volta che non servono più ci si aspetta che siano distrutti o comunque eliminati – e devono esserlo. Cosi occorre rifuggire dal possesso di beni, in particolare di quelli che durano a lungo e di cui non ci si libera facilmente.
Il consumismo di oggi non consiste nell’accumulare oggetti, ma nel goderne una tantum.
Perché dunque il «pacchetto di conoscenze» acquisito a scuola o all’università dovrebbe essere esentato da tale regola universale? Nel vortice del cambiamento è molto più attraente la conoscenza adatta all’utilizzo immediato e una tantum, il sapere ad uso e smaltimento stantaneo, come quello promesso dai programmi per computer che si susseguono sugli scaffali dei negozi a ritmo sempre più serrato.

Crediti
 • Zygmunt Bauman •
 • Capitalismo parassitario •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Un mondo a misura d’uomo
51% Milan KunderaSchiele Art
Immaginiamo di vivere per qualche istante all’interno di un mondo che va a rallentatore. Nella normalissima passeggiata quotidiana, che ci porta da casa alle attività di ogni giorno, calati in una tediosa, soporifera routine di movimenti, orari e scorci, ⋯
Egon Schiele ⋯ Distanti ma uniti
47% Gustave ThibonSchiele Art
Definire la libertà come indipendenza nasconde un pericoloso equivoco. Non esiste per l’uomo indipendenza assoluta (un essere finito che non dipenda da nulla, sarebbe un essere separato da tutto, eliminato cioè dall’esistenza). Ma esiste una dipendenza mo⋯
Egon Schiele ⋯ Seated couplePiccola è la porzione di vita che viviamo
46% ArticoliFilosofiaLucio Anneo SenecaSchiele Art
La maggior parte dei mortali, o Paolino, si lagna per la cattiveria della natura, perché siamo messi al mondo per un esiguo periodo di tempo, perché questi periodi di tempo a noi concessi trascorrono così velocemente, così in fretta che, tranne pochissimi⋯
Egon Schiele ⋯ Seated nude with red stockingsPermettetemi di fantasticare un po’
39% Fëdor DostoevskijSchiele Art
Già, ma per me, a questo punto, conta anche solo una virgola. Voi m’accusate, signori, d’aver filosofeggiato: per forza, quarant’anni di sottosuolo! Permettetemi di fantasticare un po’. Vedete: la razionalità, signori, è una cosa bella, non si discute, ma⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
37% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Egon Schiele ⋯ Ricordi che non sbiadiscono
32% Haruki MurakamiSchiele Art
…Ci sono troppe cose di cui dobbiamo occuparci ogni giorno, troppe cose nuove da imparare. Nuovi metodi, nuove nozioni, nuove tecniche, nuove parole. E tuttavia ci sono esperienze che, per quanto possa passare e per quante cose possano accadere nel frat⋯