⋯

La giornata lavorativa di otto ore conviene alle grandi imprese, non per la quantità di lavoro che le persone riescono a svolgere in otto ore (un impiegato d’ufficio medio lavora effettivamente per meno di tre ore su otto!) ma perché rende la gente fissata col comprare cose.
Far sì che il tempo libero rimanga scarso significa far sì che le persone paghino molto di più per i comfort, per le gratificazioni immediate, e per qualsiasi altra distrazione che possono comprare. E significa far sì che continuino a guardare la tv, e i suoi spot pubblicitari. E che rimangano prive di particolari aspirazioni al di fuori del lavoro.
Ci hanno condotto in una cultura che è stata progettata per mantenerci stanchi, inclini a indulgere in ogni nostra debolezza, disposti a pagare molto per comfort e divertimenti, e, soprattutto, genericamente insoddisfatti della nostra vita in modo che continuiamo a desiderare cose che non abbiamo. Compriamo tanto perché sembra che ci manchi sempre qualcosa.
Le economie occidentali, in particolare quella degli Stati Uniti, sono state costruite in maniera calcolata sull’appagamento dei piaceri, la dipendenza, e le spese inutili.
Riuscite ad immaginare cosa succederebbe se tutta l’America smettesse di comprare tante inutili cianfrusaglie che non aggiungono niente di effettivo valore alle nostre vite?
L’economia crollerebbe e non si riprenderebbe più.
Tutti i problemi ampiamente pubblicizzati dell’America, tra cui l’obesità, la depressione, l’inquinamento, e la corruzione sono il costo necessario per creare e mantenere un’economia da un trilione di dollari. Affinché l’economia rimanga “sana” l’America deve rimanere malata.
La cultura della giornata lavorativa di otto ore è lo strumento più potente a disposizione delle grandi imprese per mantenere le persone in questo stato di insoddisfazione dove la risposta ad ogni problema è quella di comprare qualcosa.

Crediti
 • David Cain •
  • BusinessInsider •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
470% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
160% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Basi neurologiche della coscienza
141% ArticoliEduard PunsetJohn BarghNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯
La scrittura delle donne
137% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Che l’America sia di nuovo America
129% Langston HughesPoesie
Che l’America sia di nuovo America. Che torni a essere il sogno che era. Che sia il pioniere nella prateria Che cerca una casa dove essere libero. (L’America non è mai stata America per me.) Che l’America sia il sogno che i sognatori hanno sognato – Che s⋯