⋯
Mi risvegliai al suono dell’orologio a molla che ticchettava sonoramente sulla cassettiera blu.
Avevo sei anni, ed era il giorno del mio compleanno.
Lasciai che il mio pigiama cadesse per terra e lo calciai sotto al letto, poi corsi giù per le scale con addosso solo le mutande di Lone Ranger.
Era il mio compleanno!
Nel giro di poche ore, i miei amici sarebbero arrivati con i regali e ci sarebbero stati la torta, il gelato e molto divertimento!
Dopo che tutte le decorazioni del party erano state staccate e tutti se ne erano andati, giocai distrattamente con i miei nuovi giocattoli.
Ero annoiato, stanco e mi faceva male la pancia.
Chiusi gli occhi e scivolai nel sonno.
Vidi ogni giorno passare come il successivo: scuola per una settimana, poi il fine settimana, la scuola, il fine settimana, l’estate, l’autunno, l’inverno e la primavera.
Passarono gli anni e dopo non molto ero uno dei migliori ginnasti delle superiori a Los Angeles.
In palestra, la vita era eccitante; al di fuori di essa, una generale delusione.
Un giorno, l’allenatore Harold Frey mi chiamò da Berkeley, in California, e mi offrì una borsa di studio per l’università!
Non vedevo l’ora di andare sulla costa per una nuova vita.
Litigai con la mia ragazza per questo, e alla fine ci lasciammo.
Mi sentii male, ma mi consolai con i miei progetti universitari.
Presto, ne ero certo, la vita sarebbe realmente cominciata!
Gli anni universitari volarono, ricchi di vittorie ginniche.
Sposai la mia nuova compagna Susie. Ero così occupato con gli allenamenti, che non avevo molto tempo ed energia per la mia nuova moglie.
Alla fine, partecipai alle Olimpiadi, ma le mie esecuzioni non furono pari alle mie aspettative.
Ritornai a casa e scivolai in un relativo anonimato.
Nacque mia figlia, e cominciai a sentire responsabilità e pressioni che crescevano.
Trovai un impiego, venditore di assicurazioni sulla vita, che mi prendeva la maggior parte dei giorni e delle notti.
Non avevo mai tempo per la mia famiglia.
Nel giro di un anno, Susie ed io eravamo separati; alla fine ottenne il divorzio.
Di nuovo da capo, riflettei tristemente.
Un giorno, mi guardai allo specchio e realizzai che erano passati quaranta anni dalle mie Olimpiadi.
Dov’era andata la mia vita?
Con l’aiuto dello psichiatra, avevo superato il mio problema con l’alcol; e avevo avuto denaro, case e donne.
Ma ora non avevo nessuno. Ero solo.
Giacevo a letto, era notte fonda, e mi chiedevo dove fosse mia figlia; erano passati anni dall’ultima volta che l’avevo vista.
Mi interrogai su Susie e sui miei amici dei bei giorni passati.
Ora trascorrevo le giornate seduto sulla mia sedia a dondolo preferita, sorseggiando vino, guardando la tv e pensando ai vecchi tempi.
Osservavo i bambini che giocavano di fronte alla mia casa.
Era stata una buona vita, supponevo.
Avevo ottenuto tutto ciò che avevo rincorso; allora, perchè non ero felice?
Sedevo solo. Ero stato solo per tutta la vita, sembrava. Appoggiai la schiena alla mia sedia a dondolo e respirai, e poi urlai mentalmente e amaramente. “Dio, dannazione!
Perchè il mio matrimonio è andato a rotoli?
Come avrei potuto fare andare le cose diversamente?
In che modo avrei potuto realmente vivere?”
Improvvisamente provai una terribile e divorante paura, la peggiore della mia vita.
Era mai possibile che avessi mancato qualcosa di molto importante, qualcosa di trascendentale, qualcosa che avrebbe fatto davvero una reale differenza? “No, impossibile”, mi rassicurai.
Enumerai ad alta voce tutti i miei raggiungimenti, ma la paura persisteva. Mi alzai lentamente, guardai in basso la città dal portico della mia casa sulla collina e mi meravigliai: dov’è andata la vita?
Che senso ha tutto questo?
Le mie nocche sbiancarono mentre mi afferravo alla ringhiera tremando.
Poi il mio corpo diventò di ghiaccio.
Ricaddi sulla sedia, la testa mi cadde in avanti, il cuore era in silenzio.
Comparvero luci che non avevo mai visto prima, e suoni che non avevo mai udito.
Le visioni fluttuavano.
Alla fine, tutte le visioni ed i suoni divennero un punto di luce, poi svanirono.
Avevo trovato la sola pace che avessi mai conosciuto.

Crediti
 • Dan Millman •
 • La Via del Guerriero di Pace •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Da Zarathustra a KhomeiniDa Zarathustra a Khomeini
234% ArticoliGerhard SchweizerLibri
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occident⋯
 ⋯ Animalia
146% ArticoliAutori VariLibri
Avete sentito: E ciò che è più importante fra i mortali, tutto viene da noi: da noi, gli uccelli. Il minimo che si possa dire è che la ricerca moderna non ha confermato questa ipotesi. Ma bisogna ammetterlo: la ricerca moderna, che pure ha chiarito molti ⋯
 ⋯ La sofferenza dell’essere bella
83% Alessandro BariccoFrammenti
Elena è una donna sola che vuole tornare a casa. Stanca di essere guardata, di essere additata come causa primordiale di tutte le sciagure o come causa di morte di migliaia di persone, accecate dal vapore velenoso del suo splendore. Ogni volta che si affo⋯
 ⋯ Un impensabile scrittore: Vincenzo Rabito
78% Anna Maria TocchettoArticoliLibri
Se all’uomo in questa vita non ci incontro aventure, non ave niente darracontare- E allora raccontiamo, raccontiamolo questo scrittore italiano. Scrittore a sua insaputa, il modo migliore per esserlo davvero, senza voler scrivere o essere scrittori, ma vo⋯
 ⋯ L’inconsolabile
65% Cesare PaveseFrammentiTeatro
ORFEO: È andata così. Salivamo il sentiero tra il bosco delle ombre. Erano già lontani Cocito, lo Stige, la barca, i lamenti. S’intravvedeva sulle foglie il barlume del cielo. Mi sentivo alle spalle il frusciò del suo passo. Ma io ero ancora laggiù e avev⋯
 ⋯ C’è da spostare una menopausa!
64% Aldo BusiArticoliLibri
Vogliono allungarci la vita e già mi sembra troppo lunga quella che abbiamo. Troppo piena di tempi morti. I maggiori sbagli e i peggiori colpi di testa li commettiamo perché non sappiamo più come impegnare il troppo tempo “libero”, come stancarci fisicame⋯