Lacan e psicosi

Il titolo di questo testo è una sorta di motto di spirito. C’è un equivoco tra psicosi al singolare e psicosi al plurale, che solleva la questione al singolare se esiste un’unità del campo delle psicosi. La risposta al quesito la troviamo sempre nel titolo, che è senza articolo per azzardare che così come La Donna non esiste, La Psicosi non esiste a titolo di campo unitario. In realtà questa questione viene posta e lasciata aperta da Lacan sin dal 1955-56 Seminario III sulle psicosi. Inoltre, Lacan ha una certa intimità con la psicosi, come psichiatra parte dalla psicosi. Il titolo riprende una battuta di Lacan negli anni 70: Potrei dire che sono psicotico per la sola ragione che ho sempre cercato di essere preso alla lettera. In questo periodo egli definiva la psicosi come saggio di rigore, non dialettica. Non bisogna credere che si è così sicuri di essere nel vero, che Lacan era sicuro di essere nel vero. É perché non si è sicuri che si tratta di costruire un sapere, d’inventarlo. Si inventa a partire da un certo numero di presupposti, a partire da un postulato. Poi si sperimenta dove porta questo postulato, la questione è di sapere se tiene. Ed è nelle impasse, negli arresti, nelle vacillazioni delle conseguenze di un postulato che si hanno delle chance di verificare di che cosa si tratti. Lacan ordina i dati freudiani; ogni 10 anni ha riformulato la teoria sulle psicosi. Si può cogliere nel suo insegnamento lo sforzo di trarre le conseguenze e risolvere le impasse, un movimento costante di rimessa in questione, di auto-rimessa in questione.

Crediti
 • Jacques-Alain Miller •
  • legge Lacan contro Lacan •
 • Pinterest • Giorgio de Chirico  •  •

Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
992% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
667% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯


 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
479% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯


 ⋯ Impero, vent’anni
470% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯


 ⋯ Il Codice di Hammurabi
446% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯


 ⋯ L’esperienza e la verità
421% Carlo SiniFilosofia
Il dibattito sulla oggettività e il cosiddetto pensiero forte del nuovo realismo ha trovato ampio spazio soprattutto sul quotidiano «la Repubblica». Può essere utile partire di qui, perché è vero che gli articoli di giornale non consentono quella articola⋯