⋯ Pietro Canonica ⋯

L’amore nasce da un incontro, che è un avvenimento ovvero qualcosa di nuovo e straordinario, di inatteso, che avviene nella nostra vita. Comincia così, con un carattere assolutamente contingente e azzardato. Perché nonostante tutto, il rischio c’è sempre, non importa quanto a lungo quest’incontro sia stato preparato. L’amore a zero rischi non esiste. Questo azzardo però deve essere fissato ad un dato momento. Deve cominciare una ‘durata’, quella che io chiamo la costruzione di una verità. Ed è un problema quasi metafisico, un paradosso. Come fa ciò che è frutto di una scommessa a diventare il punto d’appoggio di una verità nuova? È misterioso, ed è il frutto della dichiarazione d’amore. Si tratta di pronunciare una parola i cui effetti, nella nostra esistenza, possono essere praticamente infiniti. Ma solo così l’azzardo di un incontro assume la forma di un inizio. Così è accaduto anche a me: l’assoluto contingente dell’incontro con qualcuno che non conoscevo ha finito per assumere l’aspetto di un destino. E quando dico: “Ti amo” dichiaro proprio questo. Gli dico o le dico che è successo, almeno per me, qualche cosa che mi impegna. Ecco: io amo. Abbiamo preso l’abitudine di considerare questa frase come qualcosa di insignificante e abusato. A volte gli preferiamo altre parole. Ma è sempre per dire: quello che era un azzardo, ora è diventato altro, un’ostinazione, un impegno, una fedeltà. Ma la fedeltà è qualcosa di più della promessa di non andare a letto con altri? E se l’ “io ti amo” iniziale è un impegno, non ha dunque bisogno di prove o consacrazioni particolari? Mallarmé vedeva la scrittura come “un azzardo vinto parola dopo parola“. Nell’amore la fedeltà è questa lunga vittoria: la scommessa dell’incontro vinta giorno dopo giorno nell’invenzione di una durata, nella nascita di un mondo.

Crediti
 • Alain Badiou •
 • Pinterest • Pietro Canonica  •  •

Similari
⋯  ⋯Sexistenza
77% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
 ⋯ Proust: l’edificio immenso del ricordo
42% Ermanno BencivengaFrammenti
(…) Ma quando niente sussiste d’un passato antico, dopo la morte degli esseri, dopo la distruzione delle cose, più tenui ma più vividi, più immateriali, più persistenti, più fedeli, l’odore e il sapore, lungo tempo ancora perdurano, come anime, a ricordar⋯
Octavian FlorescuIntimità aperta
38% FrammentiMaria Lo Conti
Kafka individuava il momento esatto in cui la scrittura ha potuto trasformarsi per lui in letteratura: il momento in cui ha potuto sostituire “Io” con “Egli”. Quando lo scrittore priva l’opera dell’ingombro della propria persona, quando ha la forza di imp⋯
⋯ Aurora Zharra ⋯Il sesso non esaurisce l’amore
38% Alain BadiouSocietà
Come sosteneva Lacan, solo con l’amore il soggetto va oltre se stesso, al di là del proprio narcisismo. Nel sesso, voi siete alla fin fine in rapporto con voi stessi, attraverso la mediazione del corpo altrui. L’altro vi serve per scoprire la realtà del p⋯
Egon Schiele ⋯ Mother with two childrenL’amore significa sposarsi?
37% Alain BadiouSchiele Art
Le fiabe non ci dicono molto, non è così? Nelle fiabe la conclusione recita: Si sposarono ed ebbero molti bambini. D’accordo, ma l’amore significa sposarsi? Significa avere molti bambini? Si tratta di una spiegazione insufficiente e stereotipata. L’idea c⋯
⋯ Jez Smith ⋯La storia del dopo
37% FrammentiItalo Calvino
Forse tutto sta a sapere quali parole pronunciare, quali gesti compiere, e in quale ordine e ritmo, oppure basta lo sguardo la risposta il cenno di qualcuno, basta che qualcuno faccia qualcosa per il solo piacere di farla, e perché il suo piacere diventi ⋯