L'angelica educazione duale
L’approccio di una persona alla sessualità è un segno del suo livello di evoluzione. Persone non evolute praticano normali rapporti sessuali. Porre tutto l’accento sugli organi sessuali, si trascurano gli altri organi del corpo e degli altri sistemi. Qualunque sia l’energia fisica viene accumulata in modo sommario, si scarica, e le energie sottili sono ugualmente dissipate e disordinate. Si tratta di un grande salto all’indietro. Per coloro che aspirano ai regni superiori della vita, c’è l’angelica educazione duale. Perché ogni parte del corpo, della mente e dello spirito anela all’integrazione di yin e yang, il rapporto sessuale angelico è guidato dallo spirito piuttosto che dagli organi sessuali. Dove il rapporto ordinario è faticoso, il culto angelico è calmo, rilassato, tranquillo, e naturale. Qualora il rapporto ordinario unisce organi sessuali con il sesso, l’educazione angelica unisce lo spirito con lo spirito, mente con la mente, ed ogni cellula di un corpo con ogni cellula del corpo dall’altra. Culminando non in dissoluzione, ma in integrazione, si ha l’opportunità per un uomo ed una donna a vicenda di trasformare ed elevare l’un l’altro nel regno della felicità e la pienezza. Le vie sacre di rapporti angelici vengono insegnate solo da uno che ha raggiunto l’energia dell’integrazione totale, e va insegnato solo agli studenti che seguono la Via integrale con profonda devozione, cercando di purificare e pacificare il mondo intero con il proprio essere. Tuttavia, se la virtù è particolarmente luminosa, può essere possibile aprire un sentiero verso il regno sottile e ricevere questi insegnamenti celesti direttamente dagli immortali.

Crediti
 • Lao Tzu •
 • Hua Hu Ching •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
447% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
200% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ Che cos’è l’uomo
151% ArticoliFilosofiaJózef Maria Bocheński
Rifletteremo ora sull’uomo. A suo riguardo i problemi filosofici sono così numerosi, che ora non è possibile nominarli tutti. La nostra meditazione si riferirà perciò necessariamente solo ad alcuni di essi. Prima di tutto, con i grandi pensatori del passa⋯
 ⋯ Filosofia e rivoluzione: il testo, il contesto e la trama
125% ArticoliFilosofiaRaimon Panikkar
“Philosophy and Revolution: the Text, the Context and the Texture” è un articolo che Panikkar ha pubblicato nel luglio del 1973 sulla rivista di studi interculturali «Philosophy East and West», vol. 23, n° 3, pp. 315-322. Mai apparso in traduzione italian⋯
 ⋯ La violenza nella storia
123% ArticoliFilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯
 ⋯ Perché le cose hanno contorni?
118% ArticoliFilosofiaMaria RocchiRoberto Bertilaccio
Materiali per una riflessione sul “contesto” in Gregory Bateson P: C’era una volta un artista molto arrabbiato che scribacchiava cose di ogni genere, e dopo la sua morte guardarono nei suoi quaderni e videro che in un posto aveva scritto: ‘I savi vedono i⋯