Egon Schiele ⋯ Se “donna è gatta”, come diceva Baudelaire, Leonor Fini nata il 30 agosto 1907 a Buenos Aires da padre argentino e madre triestina, pittrice autodidatta, scrittrice e illustratrice, di sicuro gatta lo era. Gatta dall’incedere inconsueto e regale. Corpo sinuoso, unghie affilate, sguardo seducente e magnetico. Occhi “nero-bluastro” a detta di Max Ernst, uno dei suoi tanti amanti. Occhi pungenti come spilli, incastonati in quel volto che amerà spesso ritrarre accentuandone i tratti felini. Lei stessa sosteneva di esser figlia di una donna e di “Sua Maestà”, un bel gattone cosi affettuosamente chiamato. A convalidare il grado di parentela col genere felino frotte di gatti persiani per casa. Sulle sedie, sui divani, nel suo letto, così come nei suoi quadri: Moutchi, Siam, Zingarella. I gatti costituiranno sempre una presenza simbolica predominante nelle sue opere, rimandando all’idea e all’esercizio di un potere sciamanico, sovrannaturale, di un erotismo istintuale e voluttuoso.

Espressione autentica della sua eccentrica e spregiudicata vita sia privata che artistica. Come altre figure femminili ricorrenti, sospese, enigmatiche, asessuate, misteriose e saffiche: la sfinge, i temi dell’ambiguità’ e del doppio, calcheranno una sorta di palcoscenico teatrale. Amante del travestimento era solita ricevere gli ospiti o uscire pubblicamente indossando una maschera da felino. Simbolo e ripercussione di un antico trauma infantile oppure semplice stratagemma che utilizzerà per scandalizzare amici e colleghi. In tenera età la madre, figura alla quale resterà sempre profondamente legata, l’avrebbe costretta a indossare solo abiti maschili, a “mascherarsi”, pur di scongiurare un assurdo tentativo paterno di rapimento a seguito della turbolenta separazione.

Leonor Fini, annoverata tra le Signore poco conosciute del Surrealismo insieme a Leonor Carrington e a Rimedio Remedios Varo, era una donna definita spesso insolente, promiscua e mai schiava delle convenzioni. Nota per il suo spirito battagliero e per gli scabrosi triangoli amorosi tra cui, il più noto, quello vissuto in contemporanea con il diplomatico e pittore Stanislao Lepri e il bell’androgino scrittore polacco Konstanty Jelensky. In altre parole: una donna talentuosa e libera. Nel 1936, già inclusa in una mostra collettiva di pittori surrealisti al Mo.Ma di New York, era temuta sia dai massimi esponenti della letteratura che dai colleghi maschi del movimento surrealista di quella fervente Parigi, anni trenta, in cui si era trasferita dopo aver vissuto il periodo adolescenziale nello spirito cosmopolita triestino. Breton, Picasso, Dali’, Paul Eluard, Cartier Bresson pur presentando, cantando, fotografando “Lolò” la belle italienne, finiranno per estraniarla dal panorama culturale dell’epoca non potendo relegarla al consueto ruolo di musa o amante. Lenor negherà sempre l’appartenenza alla corrente surrealista, non aderendo a nessuna costrizione teorica e concettuale che preferirà evitare tracciando, in autonomia, un percorso originale. Dipingerà sempre con la stessa naturalezza e spontaneità con cui intersecherà, contraddistinguendolo, tutto il suo vissuto. Ciò che farà di lei un’icona, un’opera d’arte vivente e una delle massime artiste del XX secolo.

Una bella mostra di livello internazionale, di recente allestita al “Museum of Sex” di New York, ne ha recuperato la traccia. Di questi tempi, sembra doveroso dar voce e visibilità a un’importante parte della genealogia femminile spesso ignorata, se non del tutto esclusa per decenni, dal panorama culturale e artistico in cui ha invece degna e legittima cittadinanza.

Crediti
 • Eva Gili Tos •
 • Pinterest •   •  •

Similari
La scrittura delle donne
772% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Il caso Nietzsche
621% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
433% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Mouseland
410% RaccontiTommy Douglas
Questa è la storia di un luogo chiamato Mouseland. Mouseland era un luogo dove tanti topolini vivevano e giocavano, dove nascevano e morivano. E vivevano più o meno come facciamo noi. Avevano anche un parlamento. E ogni quattro anni c’era un’elezione. Usa⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
296% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯