Egon Schiele ⋯

A noi non occorre il morto tempio dell’arte, dove languiscono opere inerti, ma la fabbrica vivente dello spirito umano. A noi occorrono l’arte nitrente, la parola nitrente, l’azione nitrente. L’arte del giorno d’oggi non serve a niente. Tutti i vecchi oggetti e paesaggi parlano soltanto dei pettegolezzi dei ricchi e del borghese. E’ triste che i pittori debbano sprecare il loro talenti in simili cose superflue. L’arte dev’ essere concentrata non già nei morti templi-musei, ma da per tutto: nelle strade, nei tram, nelle fabbriche, nelle officine e nei quartieri operai.

Crediti
 • Vladimir Majakovskij •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
405% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Il caso Nietzsche
299% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Vogliate essere liberi, e lo sarete!
295% Michail BakuninPolitica
Cari compagni, vi ho detto la volta scorsa che due grandi avvenimenti storici avevano fondato la potenza della borghesia: la rivoluzione religiosa del sedicesimo secolo, conosciuta col nome di Riforma, e la grande Rivoluzione politica del secolo scorso. Ho⋯
Boicottate la stampa borghese
244% Antonio GramsciPolitica
L’operaio deve negare recisamente qualsiasi solidarietà col giornale borghese. Egli dovrebbe ricordarsi sempre, sempre, sempre, che il giornale borghese (qualunque sia la sua tinta) è uno strumento di lotta mosso da idee e da interessi che sono in contras⋯
I poveri si erano venduti
197% Ascanio CelestiniPoesie
I poveri erano così tanto poveri che presero la loro fame e la misero in bottiglia e se la andarono a vendere. Se la comprarono i ricchi, i ricchi che nella vita avevano mangiato di tutto, dal caviale ripieno all’ossobuco di culo di cane allo spiedo. Però⋯