L’attesa e la falsa catarsi
Chi si fa servo, chi si fa opprimere e sfruttare, non ha che da passare attraverso l’attesa per giungere alla sua miserevole e falsa catarsi.
Il servo attende anzitutto che gli vengano imposti degli ordini, ai quali obbedirà, con o senza lamento, non tanto perché crede agli ordini, ma perché ha paura della verga. Se il lamento del servo è forte, egli chiamerà il padrone dittatore, se il lamento è debole il padrone è democratico. Egli poi attende il momento propizio per fare le scarpe al servo vicino, ma siccome anche il servo vicino non attende altro che quel momento per stare un po’ meglio, la guerra fra poveri e la violenza è garantita; in ‘virtù’ di questa violenza i due servi attendono rimedi dal padrone che, non sembra, è lì apposta per ricreare dissidio e violenza, ma si fa passare come redentore dei problemi. Poi, alcuni fatti che succedono molto lontano dal servo fanno cadere il governo, e allora il servo attende con grande illusione l’arrivo di un altro padrone, che forse si sceglierà, forse no, ma il risultato non cambia agli occhi della storia e dell’esperienza. E la catarsi dov’è? La catarsi della stupidità arriva quando l’attesa finisce. E quando finisce? In realtà non finisce, poiché quella catarsi dura il momento effimero del cambio del padrone, quando le bastonate sembrano cessare fino all’adozione del nuovo bastone.
Ementre il servo bastonato attende e spera, i suoi padroni gozzovigliano con i suoi soldi. Secondo i molti servi, questa è la vita, e non ne vogliono altre, perché non sanno neanche sognarsela un’altra vita, e se riescono a sognarla, il limite massimo del loro sogno è avere un padrone col bastone più leggero. Così lo aspettano da molti secoli.

Crediti
 • Anonimo •
 • Pinterest •   •  •

Similari
⋯  ⋯Capitalismo o Economia Pianificata
137% Herbert George WellsPolitica
Herbert George Wells: Le sono molto grato per aver accettato di incontrarmi. Recentemente sono stato negli Stati Uniti. Ho avuto una lunga conversazione con il presidente Roosevelt e ho cercato di chiarire quali sono le sue idee principali. Ora sono venut⋯

 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
122% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯

 ⋯ Impero, vent’anni
113% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯

 ⋯ La scrittura delle donne
86% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯

 ⋯ Ominizzazione e meccanismo mimetico
81% Alessandro StellaArticoliSocietà
Dalla rivalità mimetica al transfert di divinizzazione. L’imitazione costituisce il concetto di base di una recente disciplina antropologica, la zooantropologia: per questa scuola, l’imitazione umana degli animali (zoomimesi) sarebbe il modello propulsivo⋯

 ⋯ Il sentimento nazionale
78% Lev Nikolàevič TolstòjPolitica
Insomma, per allontanare la minaccia terribile del riarmo e della guerra non servono né congressi né conferenze né trattati né tribunali internazionali: serve solo l’annientamento di quella violenza organizzata che si fa chiamare governo e che è la causa ⋯