Egon Schiele ⋯

Un’avidità febbrile di morire affatica inconsciamente gli uomini.


Crediti
 • Iginio Ugo Tarchetti •
 • Fosca •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ The LyricistNon voglio fare l’Imperatore
298% Charlie ChaplinSchiele Art
Mi dispiace, ma io non voglio fare l’Imperatore: non è il mio mestiere; non voglio governare né conquistare nessuno. Vorrei aiutare tutti, se possibile: ebrei, ariani, uomini neri e bianchi. Tutti noi esseri umani dovremmo aiutarci sempre, dovremmo godere⋯
Egon Schiele ⋯ The Young Mother(Ne)anche le stelle muoiono…
203% FilosofiaSchiele ArtSøren Kierkegaard
Quando il pericolo è così grande che la morte è divenuta la speranza, allora la disperazione nasce venendo a mancare la speranza di poter morire. In quest’ultimo significato la disperazione è chiamata la malattia mortale: quella contraddizione penosa, que⋯
Egon Schiele ⋯ Afferra l’oggi
94% PoesieQuinto Orazio FlaccoSchiele Art
Non chiederti, non è dato saperlo, quale a me fine e a te abbian gli Dei assegnata, Leucònoe, e non tentare le cabale di Babilonia. Meglio, qualsiasi cosa accadrà, sopportarla! Molti inverni ci abbia Giove concessi, o ultimo questo che ora contro opposte ⋯
Egon Schiele ⋯ Self-portraitChi vuole la vita vuole anche la morte
85% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Per la volontà di vivere la vita è sempre certa, giacché non è altro che quella stessa volontà, o piuttosto solo il suo specchio. Quella volontà non deve temere la morte, giacché la morte è solo qualcosa che appartiene alla vita, che ha il suo polo oppost⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
84% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Egon Schiele ⋯ L’ultimo canto d’amore di “El Chorito”
66% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Sudamericano in terra di goti, questo è il mio canto d’addio ora che gli ospedali tralasciano le colazioni e le ore del tè con un’insistenza che non posso che attribuire alla morte. Svaniti i crepuscoli lungamente studiati, finiti i giochi dilettevoli che⋯