Sento una critica sottile, di sottofondo, nelle opinioni e nel ciarlare di chi gira intorno alla mia vita e non si rende conto di quanto siano presenti e potenti le assenze, nella mia esistenza.

Giuro che non sto tentando di costruire fantasmi soltanto per trovare delle scuse, giustificazioni alla mia insensata incapacità di inventarmi conoscenze nuove.

È soltanto e terribilmente colpa del fatto che soffoco nel marasma di assenza che ho costruito intorno a me.

Non rimpiango le scelte fatte, non è nella mia natura e anche quando mi chiudo nell’introspezione non è al rimpianto che arrivo solitamente, bensì alla mia tacita e cronica incapacità di “prolungare il bello”, stritolandolo per non perderne memoria e dipanandone il filo tra i giorni ed i mesi affinchè decada il più tardi possibile.

Cosa posso fare, però, se le persone che amo mi mettono di fronte a scelte che ci separano, irrimediabilmente?

Faccio il primo passo anche quando dovrei aspettare la controparte, tento di spiegarmi e farmi spiegare ragioni, sfumatura, declinazioni delle umane sensazioni, ma se di fondo si instaurano fratture che chances reali ho di recuperare, riparare?

I nostri cuori non sono vasi di porcellana.

I nostri cuori affogano irrimediabilmente, natanti modesti e mediocri, ma con essi non riescono ad affogare le mie memorie di voi.

Non riesco a scorrere i capitoli della mia vita perchè gli ultimi che ho vissuto sono troppo attraenti, finisco col rileggerli, col lasciarmi andare nuovamente in mezzo a prati che conosco, erba che sa di profumi respirati tra le mie dita e sotto la mia stretta, capelli fluorescenti d’eccitazione, timidezza di sorrisi accennati, forzati, interminabili.

Non so neanche ipotizzare se rivorrei ciò che ho avuto, o vorrei non averlo mai avuto.

È proprio questo che mi terrorizza.

L’ansia di aver perso qualcosa di irrecuperabile mi porrebbe, almeno, in una prospettiva di baratro dalla quale uscire, mentre questo limbo di non-rimpianto dolorosamente privo di speranze e proiezioni future mi lascia, semplicemente, solo, triste, nero.

Crediti
 • Anonimo •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
928% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
523% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il mercantile
342% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
329% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
318% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯