Le cicatrici dolgono nel tempo di gelo

L’uomo che impara – Prima costruii sulla sabbia, poi costruii sulla roccia. Quando la roccia crollò non ho più costruito su nulla. Poi ancora talvolta costruivo su sabbia e roccia, come capitava, ma avevo imparato. Coloro ai quali affidavo la lettera la buttavano via. Ma chi non curavo me la riportava. Allora ho imparato. Le mie disposizioni non furono rispettate. Quando giunsi, m’avvidi che erano sbagliate. Era stato fatto quel che era giusto. Così ho imparato. Le cicatrici dolgono nel tempo di gelo. Ma spesso dico: solo la fossa non m’insegnerà più nulla.

Crediti
 • Bertolt Brecht •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Head portrait of Edith SchieleChe cos’ho imparato sull’amore?
69% Ferzan OzpetekSchiele Art
Amore. Che cos’ho imparato sull’amore? Quello che ho imparato sull’amore è che l’amore esiste. O forse, più semplicemente, quello che ho imparato e imparo sull’amore è quello che racconto nei miei film, in tutti i miei film. E cioè che non dimentichiamo m⋯
Egon Schiele ⋯ Della virtù che rimpiccolisce
69% ArticoliFriedrich NietzscheSchiele Art
Zarathustra fu di nuovo sulla terra ferma, non corse subito alla sua montagna e alla sua grotta, ma fece molte strade e domande e si informò di questo e di quello, così che diceva a se stesso scherzando: ‹‹Ecco un fiume, che per mille curve rifluisce alla⋯
Egon Schiele ⋯ LL’abbraccio: opera che parla ai nostri giorni
41% ArticoliDaniel di SchulerSchiele Art
A bocca aperta. Sara rimasto così, Gustav Klimt, vedendo quei fogli dell’album. Come Perugino quando Raffaello gli avrà mostrato quel che papà gli aveva insegnato. Come chi avrà sentire suonare l’ancor più giovane Mozart. Come tutti quelli cui capita di t⋯
Egon Schiele  ⋯ Ritratto di donna sul DanubioFacciamole il funerale
40% Gianni RodariSchiele Art
Una volta le galline trovarono la volpe in mezzo al sentiero. Aveva gli occhi chiusi, la coda non si muoveva. – È morta, è morta – gridarono le galline. – Facciamole il funerale. Difatti suonarono le campane a morto, si vestirono di nero e il gallo andò a⋯
Egon Schiele ⋯ Il fascino dell’abominevole
38% Joseph ConradSchiele Art
Pensate a un dignitoso giovane cittadino in toga – forse, si sa, un po’ troppo dedito ai dadi – venuto qui al seguito di qualche prefetto, o raccoglitore di imposte, o mercante magari, per rabberciare le proprie fortune. Sbarcare in un pantano, marciare a⋯
 ⋯ Fluttuo per l’aria
33% PoesieSchiele ArtSylvia Plath
Non è facile dire il cambiamento che operasti. Se adesso sono viva, allora ero morta anche se, come una pietra, non me ne curavo e me ne stavo dov’ero per abitudine. Tu non ti limitasti a spingermi un po’ col piede, no- e lasciare che rivolgessi il mio pi⋯