Le deleterie strategie narrative dei media
È innegabile: la stagione dell’ultima tipologia culturale esplicitamente europea, quella che col senno di poi si potrebbe definire neomarxista (ma solo a patto di riallineare, con Marx, per lo meno Freud, Nietzsche e Saussure), attraversata dall’analisi dei fatti culturali sviluppata nel suo complesso dalla scuola di Francoforte, e dalla decostruzione dei conglomerati di senso comune operata dalla grande stagione critica francese (Lacan, Foucault, Deleuze, Derrida…), non si è mai riconosciuta nella letteratura, o se lo ha fatto, è stato solo per convocare gli autori che ne avevano prima del conflitto fatto un uso problematico e del tutto strumentale (i soliti, almeno in quella stagione, Joyce, Proust, Kafka, Musil). Per quanto possa apparire oggi addirittura impensabile, a consultare i dati del mercato editoriale dell’epoca, ci si accorge per esempio che in tutto il continente, se i classici della letteratura, grazie alla nascita delle collane economiche, rimanevano comunque i libri di maggiore diffusione (più degli stessi generi al tempo definiti paraletterari), nel settore delle novità la saggistica vendeva mediamente di più della narrativa (fatta eccezione per i comunque rari casi letterari o di costume), che ben difficilmente tra l’altro svolgeva un ruolo prominente in sede di dibattito culturale. E non a caso gli unici scrittori seguiti con particolare attenzione in quegli anni risultano coloro che avevano tracciato un’inequivocabile parabola di fuoriuscita dal contesto meramente letterario, nel nome di un ripensamento complessivo delle strategie narrative degli audiovisivi: Pier Paolo Pasolini in Italia, e Samuel Beckett nel resto d’Europa.

Crediti
 • Gabriele Frasca •
 • La letteratura nel reticolo mediale •
  • Altre info: L'età della carta non tramonta mai •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Non vi è nulla al di fuori del testo
120% ArticoliDarin McNabbLinguaggio
Già si è detto tutto, ma siccome viviamo dimenticando, bisogna continuare a ripeterlo. La ripetizione non è innocente: produce nuovi effetti. Se si pensa al termine postmoderno, vengono rapidamente in mente persone come Nietzsche, Heidegger, Foucault e De⋯
Il latino fa bene a tutti, il greco… a molti!Perché studiare il latino e il greco?
59% Antonio GramsciLinguaggio
Non si impara il latino e il greco per parlare queste lingue, per fare i camerieri o gli interpreti o che so io. Si imparano per conoscere la civiltà dei due popoli, la cui vita si pone come base della cultura mondiale. La lingua latina o greca si impara ⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
44% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯
 ⋯ La possibilità della letteratura
34% Jacques DerridaLinguaggio
La letteratura è un’invenzione moderna; essa si inscrive nelle convenzioni e istituzioni che, , le assicurano in principio il diritto di dire tutto. La letteratura lega così il suo destino ad una certa non-censura, allo spazio della libertà democratica (l⋯
Loui Jover ⋯ Considerazioni su scrittura e libertà
34% ArticoliGianmarco PinciroliLinguaggio
Kafka e Beckett tra narratività e nichilismo Questo lavoro non è e non intende essere un contributo critico in senso stretto rispetto all’opera letteraria e drammatica di Beckett; intende, invece, provare a render conto di un’ipotesi interpretativa, circa ⋯
 ⋯ Le maschere e il teatro della vita
26% ArticoliClaudio MustacchiLinguaggio
II linguaggio quotidiano associa spesso la metafora della maschera definendo ad essa l’inganno e l’imbroglio. Nel quotidiano ritornano frasi del tipo togliti la maschera!, quel tipo porta sempre una maschera, cosa c’è dietro la sua maschera?. Il termine s⋯