Gustave Doré ⋯ Cristo nella sinagoga
Le dolci rime d’amor ch’i’ solia
cercar nè miei pensieri,
convien ch’io lasci; non perch’io non speri
ad esse ritornare,
ma perché li atti disdegnosi e feri,
che ne la donna mia
sono appariti, m’han chiusa la via
de l’usato parlare.

Crediti
 • Dante Alighieri •
  • Trattato quarto, canzone terza •
 • Pinterest • Gustave Doré Cristo nella sinagoga • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Giorgio De Chirico ⋯ Orfeo solitarioLa Favola di Orfeo
62% Agnolo PolizianoMediaPoesie
Dunque piangiamo, o sconsolata lira, ché più non si convien l’usato canto. Piangiam, mentre che ‘l ciel nè poli agira e Filomela ceda al nostro pianto. O cielo, o terra, o mare! o sorte dira! Come potrò soffrir mai dolor tanto? Euridice mia bella, o vita ⋯
Francisco Goya ⋯ Maja desnudaDonna intensa
47% Martha Rivera GarridoPoesie
Non innamorarti di una donna che legge, di una donna che sente troppo, di una donna che scrive. Non innamorarti di una donna colta, maga, delirante, pazza. Non innamorarti di una donna che pensa, che sa di sapere e che inoltre è capace di volare, di una d⋯
Egon Schiele ⋯ Porttrait of Arthur RosslerNon c’era mai bellezza
29% Guillaume ApollinairePoesieSchiele Art
Gli amici alla fine l’han confessato mi disprezzano A grandi sorsate trangugiavo le stelle Mentre dormivo un angelo ha portato lo sterminio Tra agnelli e pastori nei malinconici ovili Falsi centurioni andavano via con l’aceto E i mendicanti ballavano flag⋯
Gustave Doré ⋯ Ruth e BoazLà sovra Cariddi
28% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Come fa l’onda là sovra Cariddi, che si frange con quella in cui s’intoppa, così convien che qui la gente riddi.
Egon Schiele ⋯ Le infermiere
21% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Infermiere a frotte prendono la strada di casa. Protetto dai miei occhiali neri le osservo andare e ritornare. Loro sono protette dal crepuscolo. Una scia di infermiere e una scia di scorpioni. Vanno e vengono. Alle sette di sera? Alle otto di sera? A vol⋯
 ⋯ Il mistero delle cose, dov’è?
21% Fernando PessoaPoesie
Dov’è che non appare per lo meno a mostraci che è mistero? Che cosa ne sa il fiume e che cosa ne sa l’alberi e io, che non sono più di loro, che cosa ne so? Ogni volta che guardo le cose e penso a ciò che gli uomini pensano di esse, rido come un ruscello ⋯