Egon Schiele ⋯ Two woman

La donna è così implacabile
Con la donna.


Crediti
 • Alfred Tennyson •
 • SchieleArt •  Two woman • 1912 •

Similari
Egon Schiele ⋯ Self-Portrait with Lowered HeadAll’ingresso dell’associazione degli scrittori
226% FrammentiMihail BulgakovSchiele Art
 Una donna pallida e annoiata con i calzini bianchi e un basco bianco sedeva su una sedia di vimini presso l’ingresso della veranda all’angolo, dove tra il verde del pergolato era stata praticata un’apertura d’accesso. Davanti a lei, su un comune tavolo d⋯
Egon Schiele ⋯ Julianne MooreFuria di gioia
201% Giorgio ManganelliSchiele Art
Un giovane uomo si sta recando a un appuntamento con una giovane donna, alla quale intende dire che trova inutile, dannoso, dispersivo e monotono continuare a vedersi; in realtà egli non ha mai amato la giovane donna, ma ha provato per lei, via via, sensi⋯
Egon Schiele ⋯ Progetti putativi
126% Giorgio ManganelliSchiele Art
Un uomo sta cercando di dimenticare una donna; non è una situazione eccezionale, non fosse il fatto che egli non ama quella donna. Una donna cerca di dimenticare un uomo, anche essa un uomo che non ama. Non hanno avuto alcun rapporto amoroso, nemmeno erro⋯
Egon Schiele ⋯ Ritratto di un bambino di profilo dal lato sinistroL’implacabile tumulto dei sensi
117% Schiele ArtVladimir Nabokov
Quando invece era solo con Martha, sentiva costantemente una languida pressione alla sommità della spina dorsale, gli si stringeva il petto, gli si indebolivano le gambe e le sue dita conservavano a lungo la fresca forza della stretta di mano della donna.⋯
Egon Schiele ⋯ Euan UglowDesiderare l’insieme
100% Gilles DeleuzeSchiele Art
Volevamo dire la cosa più semplice del mondo: finora si è parlato astrattamente del desiderio, perché si è isolato un oggetto che si suppone essere l’oggetto del desiderio. Allora si può dire desidero una donna, desidero partire per un viaggio, desidero q⋯
Egon Schiele ⋯ Si cessa di sentirsi vittima
100% Italo SvevoSchiele Art
Fu un vero raccoglimento il mio, uno di quegl’istanti rari che l’avara vita concede, di vera grande oggettività in cui si cessa finalmente di credersi e sentirsi vittima. In mezzo a quel verde rilevato tanto deliziosamente da quegli sprazzi di sole, seppi⋯