Egon Schiele ⋯ Setting Sun

Quando le nubi viaggiano, non si curano delle figure che formano, non sono connaturate a esse: la loro natura, la loro essenza come corpi è di seguire l’urto del vento, le figure esistono solo per l’osservatore. Un torrente che precipita in basso sulle pietre nulla sa dei vortici, delle onde e dello spumeggiare che fa vedere: la sua natura sta nel seguire la gravità, quelle forme ci sono solo per noi. Il ghiaccio sul vetro della finestra si forma secondo le leggi della cristallizzazione, che sono la sua natura: gli alberi e i fiori che forma esistono solo per noi.
Ciò che appare in nuvole, torrente e cristallo è l’eco più debole di quella volontà che appare e si oggettiva in modo più compiuto nella pianta, più compiuto ancora nell’animale e al sommo della compiutezza nell’uomo. La forma della sua apparenza in questa forma più compiuta è la storia del genere umano, il mutare delle epoche, le forme infinite della vita umana in vari paesi e secoli; ma tutto questo è solo la forma dell’apparenza della volontà, è estraneo e inessenziale come lo sono per le nubi le figure che formano, eccetera. Tutto ciò appartiene alla volontà (ossia all’intima essenza del mondo) solo in quanto essa appare, e in generale appare nella forma del principio di ragione sufficiente; per l’essenza della volontà ogni storia e ogni evento sono estranei e contingenti, la sua essenza è di volere, ossia di volere vivere; per il soggetto del conoscere questo volere diviene oggetto nelle idee: le idee appaiono in tempo, spazio, causalità, in breve secondo il principio di ragione sufficiente; ciò dà eventi, storia, epoche. Ma questi sono vuoti e senza significato per l’essenza della volontà; quel che in ogni storia si rivela, il voler vivere e quel che ciò reca con sé, quindi le idee che sono dovunque nella storia tutta, sono la vera e propria apparenza della volontà, quindi il vero mondo; sono la volontà conosciuta, la volontà per il soggetto del conoscere. Per il soggetto in quanto è chiuso nel principio di ragione sufficiente appaiono come storia, successione di eventi nel tempo. Ma l’aspetto che hanno, secondo la proporzione reciproca delle loro parti, come sono concatenate, è indifferente e inessenziale alle idee che vi appaiono e alla volontà che appare nelle idee, così come lo sono alle nuvole le figure che formano, al torrente la forma del suo vortice, al fluido che si solidifica la forma dei cristalli sulla finestra.
Il mondo è l’obiettità della volontà (di vivere). L’apparenza più forte della volontà è l’impulso sessuale: è l’eros degli antichi, il principio del mondo, il creatore, e lo stesso significa la Māyā degli Indiani.
La Māyā, “ciò che si genera perennemente e non è mai essere” di Platone, l’apparenza di Kant, sono un’unica e medesima cosa, sono questo mondo in cui viviamo, siamo noi stessi, in quanto ne facciamo parte. Questo non lo si è ancora riconosciuto.

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • SchieleArt • Heritage Images Setting Sun • 1913 •

Similari
Il caso Nietzsche
715% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
325% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
243% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
199% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Il fenomeno è illusione e apparenza
190% Autori VariFilosofia
Hegel, insediato dall’alto, dalle forze al potere, fu un ciarlatano di mente ottusa, insipido, nauseabondo, illetterato che raggiunse il colmo dell’audacia scarabocchiando e scodellando i più pazzi e mistificanti non-sensi. Questi non-sensi sono stati chi⋯