⋯

Le lacrime di Nietzsche” opera dell’autore, Irvin Yalom – psichiatra e scrittore – che inscena il fantomatico incontro tra Friedrich Nietzsche e Joseph Breuer; l’inizio di quello che sarà un rapporto, che da professionale diventa intimo, sul filo di un dialogo coinvolgente e serrato, dove i ruoli continuamente s’invertono e si confondono, fino a restare l’essere, nudo e crudo. Lo stesso essere, da cui dovrebbe partire chi legge, per far proprie le varie sfaccettature e dinamiche che ci abitano, annaspando nella scrittura, ricca di spunti e motivi di riflessione. Le lacrime di un uomo quanto costano? Che cosa scorre con queste e dove portano? Un percorso fatto di repressione e di liberazione, che sfocia nelle lacrime appunto; l’incontro di due personalità di spicco, ma dietro di queste, l’uomo precisamente: senza volto, perché ne può avere molti, senza nome, perché questo non dice nulla del suo essere uomo. Qual è il confine fra sanità e malattia? Il ripetersi di un copione quanto è cosciente o incosciente? “E Nietzsche incominciò con voce esitante: «Mentre parlavi di Lou mi sono venute in mente le esperienze che ho avuto con lei, identiche, straordinariamente identiche. Si è comportata con te come con me… mi sono sentito spogliato di quei momenti intensi, di quei ricordi sacri». Stesso comportamento di Bertha Pappenheim, paziente del dottor Breur, di cui questi si era invaghito e che riesce a liberarsi dal pensiero ossessivo di lei, proprio assistendo alla stessa scena nei confronti di un altro dottore, al quale, per problemi familiari – dovuti alla gelosia di sua moglie – l’aveva dovuta affidare. Questo romanzo è un cammino interiore, dove fantasia e realtà si mescola, veri i personaggi e alcuni spunti della storia, un po’ scontata per alcuni versi la psicologia, infilzata dalla filosofia di Nietzsche, che crea delle enormi spaccature nella stessa, attraverso l’interiorità di Breuer. Più che un romanzo, un percorso quindi e forse proprio per ciò, romanzo: un giro fantomatico intriso di realtà.

Crediti
 • Anna Maria Tocchetto •
 • Le lacrime di Nietzsche •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il mondo secondo Nietzsche
300% Luis Enrique de SantiagoRecensioni
Il libro di Pavel Kouba, professore di filosofia presso l’Università Carolina di Praga, si dedica allo studio della fenomenologia e all’opera di Husserl e Heidegger; tratta l’impatto del pensiero di Nietzsche nella filosofia moderna, dedicando una special⋯
 ⋯ Il Deserto
89% Anna Maria TocchettoArticoli
Vivere certo, è un po’ il contrario di esprimere. Secondo i grandi maestri toscani, è testimoniare tre volte, nel silenzio, nella fiamma e nell’immobilità. Ci vuole molto tempo per capire che i personaggi dei loro quadri, si incontrano ogni giorno nelle v⋯
Don Quijote de La Mancha: ¿realidad o ficción?Don Chisciotte – Tra realtà e fantasia
82% Anna Maria TocchettoArticoliSergio Parilli
Un’opera quando è tale, non può essere di sola fantasia, sempre è striata di quel reale che passa negli interstizi di una realtà che occlude ogni accesso e tende comunque a separare ogni cosa. Eppure basta un attimo, un indizio, una sola fuoriuscita a sor⋯
⋯  ⋯Sexistenza
76% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
 ⋯ Filosofia in-infinito movimento
52% Anna Maria TocchettoArticoliFilosofia
La comprensione, che va distinta dal possesso di informazioni corrette e dalla conoscenza scientifica, è un processo complesso che non produce mai risultati inequivocabili: è un’attività senza fine, con cui, una situazione di mutamento e trasformazione co⋯
 ⋯ Kill Bill: oltre gli estremi
48% Anna Maria TocchettoArticoliCinema
La vendetta non è mai una linea retta; è una foresta nella quale bisogna sapere biforcare per mostrare l’indicibile. Queste parole sono del maestro Hattori Hanzo, uno dei personaggi del film Kill Bill, scritto e diretto da Quentin Tarantino. Film che in r⋯