Egon Schiele ⋯
Quando nei racconti dei Chassidim si dice che non si può aiutare a rialzarsi chi è caduto nel fango se non ci si sporca le mani di fango, si tocca una verità importante: l’idea di lavorare conservando candide le proprie mani, o di insegnare senza contraddizioni la propria parola, è soltanto un’esigenza dell’uomo puerile che chiede incondizionata felicità.
Calarsi in una situazione, qualsiasi essa sia, significa sporcarsi, vivere la contraddizione, essere lacerati. (…) Di fronte ai grandi eventi della vita tutto si relativizza e si comprende ciò che è essenziale e ciò che non lo è. (…)
Nel momento in cui doniamo quel che possediamo, cioè la nostra anima, la nostra interiorità, in un rapporto mistico, analitico e d’amore, allora tutto ci sarà dato.

Crediti
Similari
Egon Schiele ⋯ Ritratto di una ragazza sedutaL’amore vive al confine con l’odio
57% Michail BachtinSchiele Art
Tutto nel suo mondo vive esattamente al confine con il proprio contrario. L’amore vive al confine con l’odio, lo conosce e lo comprende, e l’odio vive al confine con l’amore e anch’esso lo comprende (l’amore-odio di Versilov, l’amore di Katerina Ivanovna ⋯
Egon Schiele ⋯ Valorizza quello che puoi dare
42% AnonimoSchiele Art
Umano, vedo che stai piangendo perché è arrivato il mio momento. Non piangere, per favore, ti voglio spiegare alcune cose. Tu sei triste perché me ne sono andato, ma io invece sono felice perché ti ho conosciuto. Quanti come me ogni giorno muoiono senza a⋯
Egon Schiele ⋯ La vita è tutta una bestialità
40% Luigi PirandelloPercorsiSchiele Art
C’è chi comprende e chi non comprende, caro signore. Sta molto peggio chi comprende, perché alla fine si ritrova senza energia e senza volontà. Chi comprende, infatti, dice: «Io non devo far questo, non devo far quest’altro, per non commettere questa o qu⋯
Egon Schiele ⋯ Stehender aktDiventare sensibile ai segni
37% FilosofiaGilles DeleuzeSchiele Art
Innamorarsi vuol dire individualizzare qualcuno attraverso i segni che porta o che emette. Vuol dire diventare sensibile a questi segni, iniziarsi ad essi (come nella lenta individualizzazione di Albertine, entro il gruppo delle fanciulle). L’amicizia può⋯
⋯  ⋯Processo di idealizzazione e trasfigurazione
35% Aldo CarotenutoPercorsi
Quel che innanzi tutto si presenta all’attenzione di chi guarda l’immagine femminile che Dante ha tratteggiato, è il ritratto di una donna dallo spessore psicologico intenso e complesso. Francesca è in un certo senso l’anti-Beatrice, una tipologia femmini⋯
Egon Schiele ⋯ Composition with Three Male NudesFra il sapiente e l’ignorante
33% FilosofiaPlatoneSchiele Art
“Ma cosa sarebbe allora, esclamai, questo Amore? un mortale?”. “Niente affatto”. “Ma allora cos’altro è?”. “Come nel caso di prima, qualcosa di mezzo fra mortale e immortale”. “Che è dunque, o Diotima?”. “Un demone grande, o Socrate. E difatti ogni essere⋯