Standing woman combing her long red hair, back view
Non osavamo riflettere sulla nostra sorte così a fondo da permetterci di fare un passo avanti, meno che mai di chiarirne le cause… Evitavamo ogni parola, ogni concetto che potesse ferirci… ma non riuscivamo, neppure temporaneamente, a liberarci dal dolore, ci veniva inflitto di continuo il più intollerabile di tutti i dolori: il ricordo dei nostri genitori… Walter spesso andava alla finestra, guardava fuori e diceva: Non è nulla!, mentre invece là fuori, sotto la finestra della torre, qualcosa per lui c’era stato, un rumore, una voce… era ben stata una voce ad attirarlo alla finestra… la voce di nostra madre, i passi dei nostri genitori in giardino, in qualsiasi ora del giorno, spesso della notte, sempre di nuovo… ma ogni volta il solito Non è nulla…, la cosa si ripeteva tutti i giorni a intervalli sempre più brevi, Walter balzava su di colpo dal pagliericcio e si precipitava alla finestra… poi il suo silenzio, quella sorta di terribile rassegnazione… La nostra infanzia, ch’era legata ai nostri genitori dal più profondo affetto, proprio perché non avevano mai esercitato su di noi alcuna violenza, ma ci avevano sempre affidati a noi stessi, non senza impartirci un’educazione, un’educazione molto libera e perciò anche severa… la nostra infanzia in queste settimane è stata più presente che mai… sebbene anch’essa folle, era di consolazione alla nostra follia… Spesso eravamo seduti l’uno di fronte all’altro, senza rivolgerci lo sguardo, nel nostro catastrofico stato fisico e mentale, dopo lunghi periodi di sconvolgimento dei nostri cervelli, quand’ecco che il mio Walter all’improvviso correva alla finestra, spaventato da un richiamo… un richiamo che, a partire da un certo momento, udivo anch’io… ma nel giardino non vi era mai neppure l’ombra di qualcuno che ci chiamasse… eppure, per molte settimane, continuammo a udire il richiamo nello stesso momento… molto distintamente, le voci dei nostri genitori che ci chiamavano.

Crediti
 • Thomas Bernhard •
 • Amras •
 • SchieleArt •  Standing woman combing her long red hair, back view • 1909 - Watercolor and pencil on paper - 45,2 x 31,2 cm •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
583% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ Il Codice di Hammurabi
444% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯

Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
382% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯

 ⋯ Sapere di non essere
292% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯

 ⋯ Il mercantile
254% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯

 ⋯ Impero, vent’anni
219% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯