⋯

Ma se, senza lasciarsi incantare,
il tuo occhio sa tuffarsi negli abissi,
leggimi, per sapermi amare.

Crediti
 • Charles Baudelaire •
  • Epigrafe per un libro condannato •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Il verme
65% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Rendiamo grazie per la nostra povertà, disse il tipo vestito di stracci. Lo vidi con quest’occhio: vagava per un paese di case piatte, fatte di cemento e mattoni, fra Messico e Stati Uniti. Rendiamo grazie per la nostra violenza, disse, anche se sterile c⋯
⋯ Fredrik Ödman ⋯Mandorla
39% Paul CelanPoesie
Nella mandorla – cosa sta nella mandorla? Il nulla. Nella mandorla sta il nulla. Lì sta e sta. Nel nulla – chi sta? Il re. Lì sta il re, il re. Lì sta e sta. Ricciolo ebreo, non diventare grigio. E il tuo occhio – per dove sta il tuo occhio? Il tuo occhio⋯
⋯ Aëla Labbé ⋯Il momento supremo dell’amore
39% Gunnar EkelöfPoesie
L’ora della verità È quanto più lontano da tutti gli orpelli dell’amore Lontano dal primo incontro Lontano dal sesso Lontano dalle carezze rassicuranti al capezzale del malato La mano che accarezza un’altra mano lentamente o accarezza una guancia Il momen⋯
Lou ReedUltimo scatto
24% Lou ReedPoesie
Mi spiace principessa, sono lento ad amare. Credimi, è inesperienza L’incapacità di mostrare affetto, i lunghi minuti senza parole e poi forse un maldestro sfiorare mentre sorseggio vino, mentre ogni volta ho pensato “Diglielo!”. Ma non l’ho fatto. Invece⋯
Egon Schiele ⋯ Seated woman, back viewSotto una piccola stella
24% PoesieSchiele ArtWislawa Szymborska
Chiedo scusa al caso se lo chiamo necessità. Chiedo scusa alla necessità se tuttavia mi sbaglio. Non si arrabbi la felicità se la prendo per mia. Mi perdonino i morti se ardono appena nella mia memoria. Chiedo scusa al tempo per tutto il mondo che mi sfug⋯
Egon Schiele ⋯ Oceanografia
24% José SaramagoPoesieSchiele Art
Giro le spalle al mare che conosco, al mio essere umano me ne torno, e quanto c’è nel mare lo sorprendo nella pochezza mia di cui son conscio. Di naufragi ne so più del mare, dagli abissi che sondo torno esangue, e perché da me nulla lo separi, vive anneg⋯