L’elemento divino dell’arte
Mi rallegra il fatto che a “sentire” l’arte siano così pochi: il che rimanda, ancora una volta, all’elemento divino in essa presente.

Crediti
 • Egon Schiele •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ LL’abbraccio: opera che parla ai nostri giorni
99% ArticoliDaniel di SchulerSchiele Art
A bocca aperta. Sara rimasto così, Gustav Klimt, vedendo quei fogli dell’album. Come Perugino quando Raffaello gli avrà mostrato quel che papà gli aveva insegnato. Come chi avrà sentire suonare l’ancor più giovane Mozart. Come tutti quelli cui capita di t⋯
Egon Schiele ⋯ Capacità di offrire felicità
58% Schiele ArtThich Nhat Hanh
Il vero amore contiene l’elemento della gentilezza amorevole, che è la capacità di offrire felicità. Per rendere felice una persona bisogna esserci. Si dovrebbe imparare a guardarla, a parlarle. Rendere un’altra persona felice è un’arte che si impara. Il ⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
57% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Egon Schiele ⋯ Wally in roter bluseLa grande arte fa il vuoto
55% Camille DumouliéSchiele Art
La grande arte non è nella mancanza, la grande arte fa il vuoto. Non nasce dal Nulla, ma, al contrario, da una potenza inaudita di vita che spezza tutte le catene dell’evoluzione e della storia, dell’essere e della presenza. Nel mondo troppo pieno di disc⋯
Egon Schiele ⋯ L’attenzione degli immortali
52% FilosofiaLao TzuSchiele Art
L’avidità per l’illuminazione e l’immortalità non è diversa da quella brama di ricchezza materiale. È egocentrico e dualistico, e quindi un ostacolo alla realizzazione vera. Pertanto questi stati non sono raggiunti da coloro che desiderano la loro, anzi, ⋯
Egon Schiele ⋯ Personaggio nel mondo
48% Henry MillerSchiele Art
Il personaggio interessa Dostoevskij non come un elemento della realtà che possiede determinati e stabili segni socialmente tipici e individualmente caratteriologici, non come figura determinata che nasce da tratti univoci e oggettivi che nel loro insieme⋯