⋯
La ricerca della verità è praticità, il metodo condotto è quello del contadino che ama la terra e la lavora, si relaziona con essa in un atteggiamento producente.
Questo atteggiamento ovviamente riguarda l’intreccio di pratiche del pensiero antico.
L’epistéme nella società moderna e contemporanea si destruttura; ripensando ai discorsi scritti di Platone emerge una chiara definizione di epistème che è tesa al raggiungimento del BENE attraverso la realizzazione di uno “stato etico”, bene che deve essere goduto come contemplazione della verità che è inevitabilmente il calcolo e l’assicurazione della GIUSTIZIA.
È giusto che il contadino lavori la terra se vuol raccogliere i frutti e poter mangiare e dare da mangiare ai suoi membri dello Stato in base ad un contratto di vendita; ogni verità necessita di un guadagno.
Ad un certo punto il contadino si domanda se vi siano altri modi di lavorare la terra e questo pensiero scaturisce da una necessità di fondo ed è questo: può tribolare meno nella lavorazione, nelle sue fasi di processo?

L'epistéme si destruttura

Ritornando a Platone non ha più senso uno stato etico assoluto dove le idee sono immutabili, immodificabili; la pratica del pensiero si intreccia, si aggroviglia, da producente diviene provocante.

Il contadino continua a scavare nella terra con un atteggiamento non più producente, ma provocante in virtù della tecnica che si struttura nella logica umana come una nuova epistème.
Il contadino tecnologizzato è il filosofo uscito dalla caverna, non può più rientrare a liberare coloro che sono rimasti all’interno, non può tirare fuori coloro che del dogma ne fanno una episteme assoluta: esso verrà ucciso e Socrate ne è una testimonianza più segnica che simbolica.

Il contadino filosofo intuisce la verità, infatti ha lasciato, abbandonandolo per sempre, il dogma che lo aveva condotto a lavorare la terra in atteggiamento producente; la tecnica è provocazione della verità, il contadino continua a lavorare la terra, scavandola e seminandola e raccogliendo i frutti di quei semi, con minor fatica e patimento umano; che cos’è questo atteggiamento se non una rivelazione della tecnica in una nuova epistème?
Il filosofo è un sovvertitore dell’ordine umbratile (dogma) e può essere ucciso da coloro che del dogma ne fanno una epistème assoluta e immutabile.


Crediti
 • Henri-Frédéric Amiel •
 • L'epistème nella filosofia di Heidegger •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
1149% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
345% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
343% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Sapere di non essere
297% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Perché le cose hanno contorni?
242% ArticoliFilosofiaMaria RocchiRoberto Bertilaccio
Materiali per una riflessione sul “contesto” in Gregory Bateson P: C’era una volta un artista molto arrabbiato che scribacchiava cose di ogni genere, e dopo la sua morte guardarono nei suoi quaderni e videro che in un posto aveva scritto: ‘I savi vedono i⋯