Sitzendes maedchen en face sedentary girl
[…] l’esistenza non può chiarire se stessa, essa è nel bisogno costante di venire illuminata, sì che da ciò che si intende per *luce* dipende la sua chiarificazione.
La chiarificazione non sopraggiunge, ma opera nel momento stesso in cui essa appare oscura. Questo rilievo è importante perché consente di dichiarare l’oscurità come grado di oscurità (più o meno oscura, dunque più o meno chiara) onde chiarezza ed oscurità non sono né possono essere assolute. In altre parole, ciò che sembra chiaro in quanto soddisfa determinate condizioni di chiarezza (relativa) può risultare oscuro in quanto non soddisfa altre condizioni. Se l’esistenza non è definibile, è di volta in volta da determinare (in relazione alle condizioni) il grado-di-oscurità che ne caratterizza la necessità di chiarificazione. La chiarezza, dunque, non è mai totale, essendo progressiva chiarificazione secondo diverse prospezioni. Allorché ci si colloca in un punto di vista si compie implicitamente una chiarificazione poiché, rispetto a questo, la cosa vista è appunto visibile, emergendo da una restante oscurità.
Ora , di volta in volta, compaiono sia il chiarificare sia il residuo non chiarificato, […] se esistenza è bisogno-di-venire-chiarificata, allora una chiarificazione totale varrebbe come negazione dell’esistenza, determinata dalla soddisfazione totale di quel bisogno indivisibile da essa.

Crediti
 • Giovanni Romano Bacchin •
 • Theorein •
 • SchieleArt •  Sitzendes maedchen en face sedentary girl •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
543% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
166% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ La violenza nella storia
100% ArticoliFilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
90% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯
 ⋯ Che cos’è l’uomo
84% ArticoliFilosofiaJózef Maria Bocheński
Rifletteremo ora sull’uomo. A suo riguardo i problemi filosofici sono così numerosi, che ora non è possibile nominarli tutti. La nostra meditazione si riferirà perciò necessariamente solo ad alcuni di essi. Prima di tutto, con i grandi pensatori del passa⋯
⋯  ⋯Il viandante e la sua ombra
66% ArticoliFilosofiaFriedrich Nietzsche
L’ombra: Giacché è tanto tempo che non ti sento parlare, vorrei dartene un’occasione. Il viandante: Parla – dove? e chi? è quasi come se sentissi parlare me stesso, solo con voce più debole della mia. L’ombra: (dopo una pausa): Non sei contento di avere u⋯