Egon Schiele ⋯ Mutter mitz weikindern
Se ciò che rende spaventosa la morte fosse l’idea del non essere, dovremmo allora ripensare con altrettanto orrore al tempo in cui ancora non esistevamo. È inconfutabilmente certo che il non essere successivo alla morte non è diverso da quello anteriore alla vita, e di conseguenza non può nemmeno arrecare maggiore sofferenza. Non vi è domanda più naturale di questa: un’eternità, cioè un tempo infinito, è trascorso prima della mia nascita; che cos’ero durante tutto questo tempo? La risposta corretta è: ero appunto sempre io, cioè tutti coloro che durante quel tempo dicevano “io”, erano appunto “io”. Se però non si accetta questa risposta e si suppone che invece io non esistevo affatto, posso consolarmi del tempo infinito dopo la mia morte, in cui non esisterò ugualmente, pensando al tempo infinito già trascorso senza che esistessi, poiché l’eternità a parte post senza la mia presenza può essere altrettanto terribile quanto l’eternità a parte ante senza la mia presenza, dato che entrambe non si differenziano in nulla fuorché per l’ingerenza di un effimero “sogno della vita”. Tutte le prove di una sopravvivenza dopo la morte possono essere utilizzate altrettanto bene in partem ante, e mediante esse si può dimostrare l’esistenza prima della vita – un’assunzione, questa, che gli Indù e i Buddhisti perseguono con grande coerenza. Solo l’idealità del tempo scioglie tutti questi enigmi.
Tuttavia, ciò che genera l’horror mortis non è affatto un’idea o un pensiero, bensì la cieca pulsione, la volontà di vita, che è l’essenza del nostro essere.

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • SchieleArt •  Mutter mitz weikindern •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
615% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
351% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ L’essenza dell’uomo è la sua finitezza
153% FilosofiaGiovanni Romano Bacchin
L’essenza dell’uomo è la sua finitezza e la coscienza di essa. La coscienza è sapere che tutto il finito finisce nel proprio finire, che il finire del finito è il suo essere da sempre finito, perché altro non può essere, se non «finito». Il suo essere, da⋯
Elliott Erwitt ⋯ Il tempo e le sue_nostre concezioni
131% ArticoliFilosofiaTommaso Giordani
Interrogarsi sulla natura del tempo, cercando di darne una spiegazione razionale in rapporto alla storia e, perché no, alla nostra quotidianità, è molto complicato. Sebbene la concezione del tempo sia andata trasformandosi nel corso della storia in modo f⋯
 ⋯ Che cos’è l’uomo
102% ArticoliFilosofiaJózef Maria Bocheński
Rifletteremo ora sull’uomo. A suo riguardo i problemi filosofici sono così numerosi, che ora non è possibile nominarli tutti. La nostra meditazione si riferirà perciò necessariamente solo ad alcuni di essi. Prima di tutto, con i grandi pensatori del passa⋯
Robert Doisnau ⋯ La chiacchiera come resistenza
82% ArticoliFilosofiaFrancesco Lamendola
Molte persone passano gran parte della loro vita sociale a parlare di cose insignificanti o, peggio, a sentenziare intorno a cose estremamente serie, ma senza alcuna serietà: così, solo per sentire il suono della propria voce e per essere confortate dal c⋯