⋯
Secoli di evoluzione e ora l’uomo è un essere metrosessuale, obeso, arrogante, malaticcio, appassionato alle droghe, stupido, crudele e sempre di più portatore di una qualità genetica deficiente. L’unico sentimento che può ispirare l’essere umano moderno è il disprezzo e da qui nasce la misantropia come necessità di potere essere in grado di sopportare la vita. La misantropia è una reazione contro il mondo moderno, contro la civiltà decadente in cui viviamo. L’uomo è ben lungi dall’essere la creatura più nobile e intelligente della creazione; un cane è una creatura più onorevole che qualsiasi buon cittadino, un’aquila ha più equilibrio di qualsiasi politico.

Civitas fallacis
Che cosa è l’uomo a confronto dalle bestie? Un essere avaro, disgustoso, debole, senza razza e senza spirito e tuttavia nel suo affanno di superiorità, distrugge la natura per costruire le sue superbe città. La distruzione della natura e l’estinzione delle specie animali la si chiama progresso, ed è questa distruzione che si sente orgogliosa questa civiltà. Con questo stesso affanno di superiorità l’uomo moderno si sente più grande dell’uomo del passato; sente di vivere nella migliore epoca e in una società che ha superato tutta la storia.
Idea ridicola, ma che è comunque condivisa dalla maggior parte di quest’umanità decadente, e così l’uomo moderno, con tutta la sua razionalità, il suo materialismo, la sua insensibilità davanti alla natura, la sua fede nel progresso, si crede un essere superiore rispetto all’uomo del passato. Tenuto conto di questa realtà, il misantropo è una persona che ha aperto gli occhi e vede il mondo come la discarica che è, vede la civiltà come un crasso errore della storia e vede l’uomo come un essere devoluto.
Il misantropo vede la riproduzione umana come un errore fatale e più ancora lo vede come un’irresponsabilità data alle masse. La riproduzione deve essere selettiva, solo ai migliori si dovrebbe dare questo diritto e non alle masse ignoranti. Neanche gli animali si riproducono in modo così avventato come gli esseri umani. Nonostante uno stato che ha come principio il benessere personale e la “felicità” attraverso il progresso, l’idea della selezione naturale o artificiale è considerata aberrante. Per uno spirito pessimista la misantropia è una forma di difesa, uno scudo e una spada per non farsi travolgere dal decadimento che lo circonda.
Questa decadenza umana e questa inevitabile caduta della civiltà sono viste dal misantropo come una terribile realtà. Per fuggire o affrontarla, molti scrivono poesie, altri saggi, altri si richiudono in se stessi, alcuni ricorrono al suicidio e alcuni solo ridono della vita come un brutto scherzo. Mai cambierai il mondo e, i dogmi ottimisti come il famoso “L’amore cambierà il mondo“, sono solo fantasie romantiche per le menti deboli. Davanti a questo, la misantropia è vedere il mondo senza travestimenti o illusioni e una volta che si perde la speranza, rimane solo la lotta.

Crediti
 • Alicia Méndez Yoshino •
 • Pinterest •   •  •
 • Sergio Parilli •
 • Anna Maria T. •

Similari
 ⋯ XXX edizione del Premio Hemingway
53% IdeeMarina Artusa
La storia dell’uomo non è mai stata così ricca di conversazioni come nell’era di Internet. Eppure nessuno dialoga veramente. Il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, ha capitalizzato con la sua azienda 50 miliardi di dollari, puntando sulla nostra paura⋯
 ⋯ Cos’è il Beat
52% ArticoliIdeeLuigi Bairo
Si parla spesso, troppo spesso di Beat e di Psichedelia. Se ne parla e straparla da molte parti, soprattutto di questi tempi babbei in cui rivive superficialmente il modo di vestire e di suonare degli anni sessanta. Un ritorno di moda che svanirà in fretta⋯
 ⋯ Il sipario del grande silenzio
50% ArticoliIdeeSilvano Agosti
un piccolo saggio che ho pensato fosse indispensabile per sconfiggere un atteggiamento ottuso e spietato delle attuale forze lavoro della cultura di Stato. A parte che l’infinito sforzo del potere consiste nell’arginare una naturale caratteristica della n⋯
 ⋯ Sollevazione generale
49% AnonimoArticoliIdee
L’austerithy è una delle componenti della perdita di significato dell’esistenza di ognuno. È evidente che solo “i pochi” possono trarre vantaggio dalle sofferenze economiche alle quali sottopongono “i molti”. A quali poteri e a quali potenti risulta utile⋯
 ⋯ L’unione libera
34% AnonimoIdee
Gli anarchici rifiutano l’organizzazione del matrimonio. Essi affermano che due persone che si amano non hanno bisogno di autorizzazioni da parte di terzi per dormire insieme e dal momento in cui la loro volontà gli conduce al letto, la società non ha nul⋯
 ⋯ La corrente esistenzialista
34% ArticoliIdeeKarl Jaspers
Dopo la prima guerra mondiale, in Germania e nel resto d’Europa, si diffuse un nuovo clima culturale, permeato dalla critica, alla fede ottimistica nella scienza e nel progresso, che aveva caratterizzato il secolo precedente. Le grandi impalcature del pen⋯