L'essere onesti

Se i furfanti sapessero quanto si guadagna ad essere onesti, sarebbero onesti per furfanteria.


Crediti
 • Molière •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Sitting girlCerchiamo un colpevole del nostro destino
122% Schiele ArtThomas Bernhard
Noi cerchiamo senza sosta di scoprire dei retroscena e non facciamo un solo passo in avanti, soltanto complichiamo e ingarbugliamo ancor più ciò che è già complicato e ingarbugliato. Cerchiamo un colpevole del nostro destino, che quasi sempre, se siamo on⋯
Egon Schiele ⋯ Il suicidio perfetto dell’Occidente
86% Massimo FiniPoliticaSchiele Art
Il neo primo ministro neo zelandese Jacinda Ardern, una donna di 38 anni, ha affermato che il benessere collettivo ma anche individuale non dipende né dal Pil né dalla produttività né dalla crescita economica. Ci voleva un politico neo zelandese per scopr⋯
Egon Schiele ⋯ Diritto di essere felici
85% Immanuel KantSchiele Art
La frode, la violenza, l’invidia dominano sempre intorno a lui, sebbene egli sia onesto, pacifico e benevolente; e gli onesti, che ancora gli è dato di incontrare, malgrado tutto il loro diritto di essere felici, sono sottoposti dalla natura, che non fa t⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
65% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Egon Schiele ⋯ Sitzendes Mädchen mit schwarzen Strümpfen und vorgehaltenen HändenEravamo a qualche passo
49% Schiele ArtWinfried Georg Sebald
Perché non mi dici, ella domandò, disse Austerlitz, la ragione della tua inavvicinabilità? Perché, disse, da quando siamo arrivati qui sei come uno stagno gelato? Perché vedo le tue labbra schiudersi, quasi tu volessi dire, o magari persino gridare qualco⋯
Egon Schiele ⋯ L’anima mi scende come un novembre umido e piovigginoso
47% Herman MelvilleSchiele Art
È un modo che ho di cacciare la malinconia e di regolare la circolazione. Ogni volta che m’accorgo di atteggiare le labbra al torvo, ogni volta che nell’anima mi scende come un novembre umido e piovigginoso, ogni volta che mi accorgo di fermarmi involonta⋯