Libera singolarità
Nietzsche […] esplora un mondo di singolarità impersonali e preindividuali, mondo che ora egli chiama dionisiaco o della volontà di potenza, energia libera e non incatenata. Singolarità nomadi non più imprigionate nell’individualità fissa dell’Essere infinito (la famosa immutabilità di Dio), né entro i limiti sedentari del soggetto finito (i famosi limiti della conoscenza). Qualcosa che non è né individuale né personale e che nondimeno è singolare, per nulla abisso indifferenziato, ma che però salta da una singolarità all’altra, che sempre emette un lancio di dadi, che fa parte di uno stesso lancio, sempre frammentato e riformato in ogni lancio. Macchina dionisiaca per produrre il senso e in cui il non senso e il senso non sono più in rapporto di opposizione semplice, ma compresenti l’uno con l’altro in un nuovo discorso. Ma questo nuovo discorso non è più quello della forma e nemmeno quello dell’informe: è piuttosto l’informale puro. […] Quanto al soggetto di questo nuovo discorso, non vi è invece più soggetto, non è l’uomo né Dio, ancor meno l’uomo al posto di Dio. È questa singolarità libera, anonima e nomade che percorre sia gli uomini, sia le piante, sia gli animali indipendentemente dalle materie della loro individuazione e dalle forme della loro personalità; superuomo non vuol dire altro: il tipo superiore di tutto ciò che è.

Crediti
 Gilles Deleuze
 Logica del senso
  Sulle singolarità
 Pinterest •   • 




Quotes per Gilles Deleuze

In realtà, questo sistema in cui viviamo non può sopportare nulla: di qui la sua radicale fragilità in ogni punto e nello stesso tempo la sua forza complessiva di repressione.

[Ciò] che implica tristezza, esprime un tiranno.

La pittura di Bacon crea una zona d'indiscernibilità, d'indecidibilità tra l'uomo e l'animale. L'uomo diviene animale, non senza che l'animale al tempo stesso divenga spirito, spirito umano. […] È il fatto comune: il fatto comune all'uomo e all'animale. […] L'ombra fugge dal corpo come fosse un animale che era rifugiato in noi.  Logica della sensazione

È questo che mi sembra interessante nelle vite, i buchi che comportano, le lacune, talvolta drammatiche, talvolta no. Le catalessi o quelle specie di sonnambulismo di più anni, che la maggior parte delle vite possiedono. Forse è in questi buchi che avviene il movimento. La questione infatti è proprio quella di come produrre il movimento, come forare il muro.  Pourparlers

Nel distruggere si perde la forma e la fonte; con la decostruzione si guadagna nuove forme perché si revisiona il fondo.