L'identità dell'uomo del sottosuolo
Abbandonare una casa paterna, un’ordine in cui ci si sente negletti e diseredati, non è una scelta facile, perché è una sterile ribellione che somiglia pericolosamente a una resa, a un sanzionare una volta per tutte la propria “indegnità“. Ma restare prigionieri di quell’ordine che mortifica i nostri bisogni autentici ci farebbe comunque sentire indegni e spregevoli.
Il profondo disprezzo che imprigiona l’animo dell’uomo dostoevskijano è, sì, il rifiuto di tutto ciò che gli impedisce un normale flusso di energie verso la realtà, una normale vita di relazione, una serena e lineare progettualità di esistenza; ma si configura anche come un’autentica autoaccusa, ed è alla luce di questa spietata autodiagnosi – “forse io mi credo un uomo intelligente proprio e solo per questa ragione, che in tutta la mia vita non m’è mai riuscito di portare a termine nulla” (Dostoevskij 1864, 38) – che il nostro personaggio si accinge ad aprire il sipario di uno sconvolgente teatro interiore, per permettere ai suoi immaginari interlocutori di entrarci con uno sguardo indiscreto e impietoso.
In realtà le serrate autoaccuse che picchettano il percorso di queste personalità derivano dalla mancanza di categorie interpretative della propria dimensione psicologica: chi non scorge qualche risposta a problematiche che in ragione di ciò appaiono insormontabili, anziché allearsi con se stesso nella faticosa impresa di costruzione della propria identità, finisce per diventare il proprio nemico, il proprio distruttore, col costruirsi un’identità negativa.
L’identità dell’uomo del sottosuolo – sognatore ferito e disperato, figura di eroe rovesciato, di solitario sconfitto nel suo perenne masochismo, rinchiuso in un sudicio sotterraneo in cui espia la sua oscura colpa – è un’identità negativa, la rabbiosa sfida a un’esistenza senza progettualità, senza futuro.

Crediti
 • Aldo Carotenuto •
 • I Sotterranei dell'anima •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ La pazienza porta l’esperienza
64% Egon SchieleSchiele Art
La passività o la pazienza eccessiva finiscono nel ridicolo come l’impazienza; la pazienza della pecora, contrassegnata anzitutto dalla placidità nel sangue. La malinconia porta la pazienza, la pazienza porta l’esperienza, l’esperienza porta la speranza e⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
62% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
 ⋯ Orizzonte di senso
57% Aldo CarotenutoFrammenti
Il nostro sognatore, nel suo continuo rimuginare, giunge alla considerazione che la vita è indifferente, per cui non si può parteggiare né per il bene né per il male: se tutto ciò che accade non rientra in qualche disegno e non tende a uno scopo preciso, ⋯
Egon Schiele ⋯ LL’abbraccio: opera che parla ai nostri giorni
56% ArticoliDaniel di SchulerSchiele Art
A bocca aperta. Sara rimasto così, Gustav Klimt, vedendo quei fogli dell’album. Come Perugino quando Raffaello gli avrà mostrato quel che papà gli aveva insegnato. Come chi avrà sentire suonare l’ancor più giovane Mozart. Come tutti quelli cui capita di t⋯
Egon Schiele ⋯ Dead City III (City on the Blue River)Parla Ipolit, un malato terminale di tisi
53% Fëdor DostoevskijSchiele Art
Evidentemente la mia convinzione che per due settimane non valga la pena di soffrire o abbandonarsi ad alcuna sensazione, ha avuto la meglio sulla mia natura e forse dirige tutti i miei sentimenti. Ma è proprio vero? È forse vero che la mia natura è stata⋯
 ⋯ Francesco Balsamo ⋯ Livello di non-consapevolezza
48% Aldo CarotenutoPsicologia
Esiste una legge psicologica per la quale nella relazione ci si sintonizza soprattutto sugli aspetti inconsci del partner. Più profondo è il rapporto, più è presente il livello di non-consapevolezza verso questi aspetti della personalità, e maggiore sarà ⋯