⋯ Moritz Aust ⋯
La fotografia è inganno perché suggerisce l’illusione dell’eternità. Ma ciò che la fotografia riproduce all’infinito ha avuto luogo una sola volta: essa ripete meccanicamente ciò che non potrà mai più ripetersi nell’esistente.

Crediti
 • Roland Barthes •
 • Pinterest • Moritz Aust  •  •

Similari
⋯ Aela labbé ⋯Espressione infaticabile
125% LinguaggioRoland Barthes
Davanti all’obiettivo io sono contemporaneamente: quello che io credo di essere, quello che vorrei si creda io sia, quello che il fotografo crede io sia, e quello di cui egli si serve per far mostra della sua arte. Ciò che la fotografia riproduce all’infi⋯
 ⋯ Le maschere e il teatro della vita
55% ArticoliClaudio MustacchiLinguaggio
II linguaggio quotidiano associa spesso la metafora della maschera definendo ad essa l’inganno e l’imbroglio. Nel quotidiano ritornano frasi del tipo “togliti la maschera!”, “quel tipo porta sempre una maschera”, “cosa c’è dietro la sua maschera?”. Il ter⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
50% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Cosa vuole una donna?
36% Giuseppe AntonelliLinguaggio
“Un certo Hegel” dice Lacan nel Seminario XVII su Il rovescio della psicoanalisi “ha articolato che essa gli viene svelata dal lavoro del servo. Solo che questo discorso di Hegel è un discorso da padrone”. E più avanti: “La filosofia ha giocato il ruolo d⋯
Il latino fa bene a tutti, il greco… a molti!Perché studiare il latino e il greco?
31% Antonio GramsciLinguaggio
Non si impara il latino e il greco per parlare queste lingue, per fare i camerieri o gli interpreti o che so io. Si imparano per conoscere la civiltà dei due popoli, la cui vita si pone come base della cultura mondiale. La lingua latina o greca si impara ⋯
⋯  ⋯Sapere teorico?
27% Jacques DerridaLinguaggio
Inizialmente e nella sua determinazione classica, la menzogna non è l’errore. Si può essere nell’errore, ci si può ingannare, è possibile anche dire il falso senza cercare di ingannare e quindi senza mentire. È vero che le esperienze della menzogna, dell’⋯