L'impulso esserico

Nella maggioranza degli abitanti del pianeta Terra è presente lo strano bisogno di ciò che essi chiamano pavoneggiarsi e di provocare negli altri l’espressione dell’impulso esserico detto meraviglia. Per via di questo strano bisogno, essi provano soddisfazione alla vista della meraviglia provocata negli altri dal loro aspetto esteriore, combinato esattamente secondo le esigenze di ciò che laggiù chiamano moda, un’usanza funesta e diventata ai nostri giorni uno dei fattori esserici il cui automatismo non lascia più loro né il tempo né la possibilità di vedere e di sentire la realtà. Questa usanza per loro così funesta consiste nel modificare periodicamente la forma esteriore di ciò che si chiama il velo della loro nullità. A quegli strani esseri è sempre piaciuto agghindarsi con perle e turchesi, come d’altronde con tante altre preziose carabattole, al solo fine, dicono, di ornare il loro aspetto esteriore. Ma se vuoi la mia opinione, lo fanno semplicemente per istinto, nella speranza di far rialzare il loro valore interiore, di per sé nullo. Un simile fenomeno accade anche per ciò che essi chiamano sapere. Quanto più qualcuno immagazzina nozioni che non ha mai verificato, e ancor meno provato personalmente, tanto più è considerato sapiente e rispettato dagli altri.

Essi non viaggiano per acquisire più sapere e più informazioni, ma ancora una volta, per la loro vanità, per poter dire poi a voce alta, conversando con gli amici e i conoscenti: Sono stato qui e ho visto questo, questo e quest’altro. Di quello che hanno visto e che cosa significhi, cosa gliene importa? Essi hanno soltanto bisogno del fatto di essere stati in quel tal posto e di aver visto tutto a grandi linee. Tutto ciò è più che sufficiente, dato che più tardi, in qualche conversazione, ciascuno di loro potrà dire spudoratamente e con la coscienza a posto che anche lui è stato lì, lì e lì. E tutti gli altri penseranno che costui non è una schiappa, ma che è proprio stato in quel luogo e ha visto tutte le curiosità che qualsiasi persona colta deve aver visto. Quest’abitudine di giudicare i meriti degli esseri secondo la loro effimera apparenza esteriore, radicandosi in loro a poco a poco, ha continuato a sviluppare e a rinforzare la loro illusione che l’acquisizione dell’essere-individualità si limita precisamente a tale apparenza, e tutti, soggettivamente, si sforzano solo in tal senso. Ecco perché, ai giorni nostri, fin dal momento della loro venuta al mondo, tutti a poco a poco cominciano a perdere perfino il “gusto”, di ciò che si chiama l’Essere esserico oggettivo.

Crediti
 • Georges Ivanovič Gurdjieff •
 • I racconti di Belzebù a suo nipote •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Della virtù che rimpiccolisce
74% ArticoliFriedrich NietzscheSchiele Art
Zarathustra fu di nuovo sulla terra ferma, non corse subito alla sua montagna e alla sua grotta, ma fece molte strade e domande e si informò di questo e di quello, così che diceva a se stesso scherzando: ‹‹Ecco un fiume, che per mille curve rifluisce alla⋯
Egon Schiele ⋯ Stehendes MädchenIl coraggio e la forza
54% Schiele ArtThomas Bernhard
Mi illudevo di non aver bisogno di nessuno, mi illudo ancora oggi. Non avevo bisogno di nessuno, e quindi non avevo nessuno. Ma ovviamente abbiamo bisogno di una persona, altrimenti diventiamo inevitabilmente come sono diventato io: difficile, insopportab⋯
Egon Schiele ⋯ Setting SunLe figure esistono solo per l’osservatore
44% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Quando le nubi viaggiano, non si curano delle figure che formano, non sono connaturate a esse: la loro natura, la loro essenza come corpi è di seguire l’urto del vento, le figure esistono solo per l’osservatore. Un torrente che precipita in basso sulle pi⋯
Egon Schiele ⋯ CellistRagionamento eristico
36% FilosofiaPlatoneSchiele Art
A parlare sono i sacerdoti e le sacerdotesse, ai quali sta a cuore essere in grado di discutere di ciò di cui hanno il ministero; ma parla anche Pindaro e molti altri poeti, tutti quelli che sono divini. Ed ecco cosa dicono: esamina dunque se ti sembra ch⋯
Egon Schiele ⋯ Seated female nude with raised legInfinito di individui possibili
36% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Meditando sulla morte dell’individuo contrapposta all’infinita immortale vita della natura, si osserva che la natura tutta è l’apparenza e anche il compimento della volontà di vivere: la forma di quest’apparenza è spazio e tempo e, tramite essa, individua⋯
Egon Schiele ⋯ Mime van OsenCapaci di meravigliarsi delle cose comuni
35% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Nessun essere, eccettuato l’uomo, si stupisce della propria esistenza, essa è per tutti cosí naturale, che nessuno ci bada. E la sua meraviglia è tanto più seria in quanto essa si trova per la prima volta consapevolmente di fronte alla morte, e comprende ⋯