Egon Schiele ⋯ Triple Self-Portrait

Nella ricerca di se stessi si brancica, si trova qualche verità apparente. Si dice: io sono questo, quello o quell’altro, e appena pronunciate le parole si cessa di essere quella cosa.


Crediti
 • Ezra Pound •
 • SchieleArt •  Triple Self-Portrait • 1911 •

Similari
Egon Schiele ⋯ MeditationCessare di essere con la parola
108% Ezra PoundSchiele Art
Nella ricerca di se stessi si brancica, si trova qualche verità apparente. Si dice: io sono questo, quello o quell’altro, e appena pronunciate le parole si cessa di essere quella cosa.
Egon Schiele ⋯ Portrait of Ida RoesslerLe parole sono buone
56% José SaramagoSchiele Art
Le parole sono buone. Le parole sono cattive. Le parole offendono. Le parole chiedono scusa. Le parole bruciano. Le parole accarezzano. Le parole sono date, scambiate, offerte, vendute e inventate. Le parole sono assenti. Alcune parole ci succhiano, non c⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
45% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Egon Schiele ⋯ È quel che è
34% Erich FriedPoesieSchiele Art
È assurdo dice la ragione È quel che è dice l’amore È infelicità dice il calcolo Non è altro che dolore dice la paura È vano dice il giudizio È quel che è dice l’amore È ridicolo dice l’orgoglio È avventato dice la prudenza È impossibile dice l’esperienza⋯
Egon Schiele ⋯ La visita al convalescente
34% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯
Egon Schiele ⋯ LL’abbraccio: opera che parla ai nostri giorni
34% ArticoliDaniel di SchulerSchiele Art
A bocca aperta. Sara rimasto così, Gustav Klimt, vedendo quei fogli dell’album. Come Perugino quando Raffaello gli avrà mostrato quel che papà gli aveva insegnato. Come chi avrà sentire suonare l’ancor più giovane Mozart. Come tutti quelli cui capita di t⋯