L’infinito della gioia

Ma che importa l’eternità della dannazione a chi ha provato, in un secondo, l’infinito della gioia?


Crediti
 • Charles Baudelaire •
 • Lo Spleen di Parigi •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Mutter mitz weikindernL’essenza del nostro essere
85% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Se ciò che rende spaventosa la morte fosse l’idea del non essere, dovremmo allora ripensare con altrettanto orrore al tempo in cui ancora non esistevamo. È inconfutabilmente certo che il non essere successivo alla morte non è diverso da quello anteriore a⋯

Egon Schiele ⋯ Julianne MooreFuria di gioia
56% Giorgio ManganelliSchiele Art
Un giovane uomo si sta recando a un appuntamento con una giovane donna, alla quale intende dire che trova inutile, dannoso, dispersivo e monotono continuare a vedersi; in realtà egli non ha mai amato la giovane donna, ma ha provato per lei, via via, sensi⋯

Egon Schiele ⋯La felicità è debole
55% Rainer Maria RilkeSchiele Art
La gioia che mi è stata riservata , nessuna circostanza, nessuna delusione potrà mai rovinarmela; nel mondo infatti la realtà di ogni singola gioia è indescrivibile, inesauribile. Soltanto nella gioia il creato continua a essere creazione , nella gioia l’⋯

Painting on the photography by Egon SchieleLa cenere è il cadavere della legna
52% Emanuele SeverinoFilosofiaSchiele Art
Ho sempre usato per chiarire un poco queste affermazioni la metafora della legna e della cenere: la legna sta al vivente come la cenere sta al cadavere. La cenere è il cadavere della legna. Ma quando si esperisce la cenere, non si esperisce l’annientament⋯

Egon Schiele ⋯ Setting sunContrapposizione fra il tempo e l’eternità
45% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Il grande mistero del nostro essere e non essere, a chiarimento del quale si sono escogitate l’immortalità dell’anima e la metempsicosi, si fonda sulla contrapposizione fra il tempo e l’eternità, ovvero sull’identità fra ciò che è oggettivamente una serie⋯

Egon Schiele ⋯ Egli ora è nessuno
45% Jorge Luis BorgesSchiele Art
Chi ha scorto l’universo, non può pensare a un uomo, alle sue meschine gioie o sventure, anche se quell’uomo è lui. Quell’uomo è stato lui e ora non gli importa più. Non gli importa la sorte di quell’altro, non gli importa la sua azione, poiché egli ora è⋯