⋯

Non mi interessa che cosa fai per vivere. Voglio sapere che cosa ti fa spasimare e se osi sognare di andare incontro all’anelito del tuo cuore.

Non mi interessa quanti anni hai. Voglio sapere se rischieresti di passare per stupida per amore, per un sogno, per l’avventura di essere viva.
Non mi interessa quali pianeti siano in quadratura con la tua luna. Voglio sapere se hai toccato il centro del tuo dispiacere, se i tradimenti di una vita ti hanno aperta oppure ti hanno raggrinzita e chiusa per paura di altro dolore. Voglio sapere se riesci a sederti con la sofferenza, la mia o la tua, senza muoverti per nasconderla, né per sedarla, né per mandarla via. Voglio sapere se riesci a stare con la gioia, la mia o la tua, se riesci a ballare selvaggiamente lasciando che l’estasi ti riempia fino alle estremità delle dita delle mani e dei piedi senza ricordarci di stare attenti, o di essere realistici, né per rammentarci i limiti dell’essere umano.
Non mi interessa se la storia che mi stai raccontado è vera. Voglio sapere se riesci a deludere un altro pur di essere sincera con te stessa. Se riesci a sopportare l’accusa di tradimento senza tradire la tua anima. Se riesci a essere senza fede e perciò degna di fede. Voglio sapere se riesci a vedere ogni giorno la bellezza anche quando non è pittorica; e se riesci a far scaturire la tua vita dalla sua presenza. Voglio sapere se riesci a vivere col fallimento, il tuo e e il mio, e tuttavia, sul bordo del lago, a gridare al plenilunio d’argento il tuo «Sì!».
Non mi interessa sapere dove vivi o quanti soldi hai. Voglio sapere se riesci ad alzarti dopo una notte di dolore e di disperazione stanca e con le ossa a pezzi e a fare ciò che va fatto per dar da mangiare ai bambini.
Non mi interessa ciò che sai né come sei giunta qui. Voglio sapere se starai nel centro del fuoco con me senza tirarti indietro.
Non mi interessa dove o che cosa o con chi hai studiato. Voglio sapere che cosa ti sostiene da dentro quando tutto il resto crolla. Voglio sapere se riesci a stare sola con te stessa e se ti piace davvero la compagnia che ti fai nei momenti vuoti.

Crediti
 • Oriah Mountain Dreamer •
 • L'invito •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
717% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
391% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
La scrittura delle donne
364% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Il mercantile
305% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
297% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯