⋯

Non mi interessa che cosa fai per vivere. Voglio sapere che cosa ti fa spasimare e se osi sognare di andare incontro all’anelito del tuo cuore.

Non mi interessa quanti anni hai. Voglio sapere se rischieresti di passare per stupida per amore, per un sogno, per l’avventura di essere viva.
Non mi interessa quali pianeti siano in quadratura con la tua luna. Voglio sapere se hai toccato il centro del tuo dispiacere, se i tradimenti di una vita ti hanno aperta oppure ti hanno raggrinzita e chiusa per paura di altro dolore. Voglio sapere se riesci a sederti con la sofferenza, la mia o la tua, senza muoverti per nasconderla, né per sedarla, né per mandarla via. Voglio sapere se riesci a stare con la gioia, la mia o la tua, se riesci a ballare selvaggiamente lasciando che l’estasi ti riempia fino alle estremità delle dita delle mani e dei piedi senza ricordarci di stare attenti, o di essere realistici, né per rammentarci i limiti dell’essere umano.
Non mi interessa se la storia che mi stai raccontado è vera. Voglio sapere se riesci a deludere un altro pur di essere sincera con te stessa. Se riesci a sopportare l’accusa di tradimento senza tradire la tua anima. Se riesci a essere senza fede e perciò degna di fede. Voglio sapere se riesci a vedere ogni giorno la bellezza anche quando non è pittorica; e se riesci a far scaturire la tua vita dalla sua presenza. Voglio sapere se riesci a vivere col fallimento, il tuo e e il mio, e tuttavia, sul bordo del lago, a gridare al plenilunio d’argento il tuo «Sì!».
Non mi interessa sapere dove vivi o quanti soldi hai. Voglio sapere se riesci ad alzarti dopo una notte di dolore e di disperazione stanca e con le ossa a pezzi e a fare ciò che va fatto per dar da mangiare ai bambini.
Non mi interessa ciò che sai né come sei giunta qui. Voglio sapere se starai nel centro del fuoco con me senza tirarti indietro.
Non mi interessa dove o che cosa o con chi hai studiato. Voglio sapere che cosa ti sostiene da dentro quando tutto il resto crolla. Voglio sapere se riesci a stare sola con te stessa e se ti piace davvero la compagnia che ti fai nei momenti vuoti.

Crediti
 • Oriah Mountain Dreamer •
 • L'invito •
 • Pinterest •   •  •

Similari
  ⋯ Roma Town Site
39% PercorsiUldio Calatonaca
Roma, lo dico subito, nell’ultima trentina d’anni è cambiata poco o nulla; o meglio lo ha fatto un po’ in male e un po’ anche in bene. Io, romano che trenta anni fa era ventenne, non capisco cosa è davvero peggiorato: mondezza trasporti sanità delinquenza⋯
 ⋯ Rapimento
30% Leo BuscagliaPercorsi
Abbiamo paura di vivere la vita, e perciò non facciamo esperienze, non vediamo. Non sentiamo. Non rischiamo! Non prendiamo a cuore nulla! Non viviamo… perché la vita significa essere coinvolti attivamente. Vivere significa sporcarvi le mani. Vivere signif⋯
 ⋯ Vivere tutte le sfumature
30% PercorsiSylvia Plath
Non riesco mai a leggere tutti i libri che voglio; non posso mai essere tutte le persone che voglio e vivere tutte le vite che voglio. Non riesco mai ad allenarmi in tutte le abilità che voglio. E perché lo voglio? Voglio vivere e sentire tutte le sfumatu⋯
⋯ Josephine Sacabo ⋯Ascolto il mio suono, vedo me stesso
27% PercorsiYorgos Thèmelis
Sarò la canzone che ho cantato e fuggirò. Come un suono perduto in mezzo ai suoni, ciò che ho detto, ho fatto, ho disperso, la luce che ho visto, il buio che ho abbracciato. Un pugno di terra, una nuvola di polvere. Sarò sete nella sete, assetato brucerò ⋯
⋯  ⋯Atto Puro
27% Henry MillerPercorsi
Scrivere meditai, deve essere un atto privo di volontà. La parola, come una corrente profonda dell’oceano, deve emergere alla superficie per un proprio impulso. Non molti mesi fa avevo terminato il mio primo libro nello studio di Ulric …il libro sui dodic⋯
 ⋯ Imparare a pensare
25% David Foster WallacePercorsi
Quello che ancora non sapete è quanto sia alta la posta in gioco. Sono passati vent’anni da quando mi sono laureato e nel frattempo ho capito poco alla volta che il cliché secondo il quale le scienze umanistiche «insegnano a pensare» in realtà sintetizza ⋯