⋯
C’è una cautela realistica quando il pericolo è prossimo, e una ingiustificata, derivante dal fatto di essere già stati feriti in passato, che ci induce a mostrarsi suscettibili e non interessati anche quando si sente di voler dispiegare calore e affettuosa attenzione.
La svolta per una persona simile si dà quando accetta di amare anche se… anche se ha una stretta al cuore, è nervosa, è stata un tempo ferita, teme l’ignoto. Talvolta si deve semplicemente buttare. Dev’esserci a un certo punto della vita di un uomo un momento in cui va fiducioso dove l’amore lo conduce, in cui teme di più essere intrappolato nel letto asciutto di un fiume di una psiche che di trovarsi in un territorio lussureggiante ma non segnato da nessuna carta. Quando una vita è troppo controllata, sempre più diminuisce la vita da controllare.
Nella psiche c’è una creatura, un non-ferito che crede nel bene, non ha dubbi sulla vita, è saggia, e inoltre non ha paura di morire. È un io-spirito giovane, che sebbene sia stato tormentato, ferito, esiliato, continua ad amare. La sua fiducia non dipende dal fatto che l’amante non lo ferirà. La sua è la fiducia che qualunque ferita riceva, essa potrà essere curata. Che una vita nuova segue quella vecchia. È un io-innocente. Innocenza non significa ignoranza. Ignoranza è non sapere nulla, essere attratti dal buono. Innocenza è conoscere tutto, ed essere ancora attratti dal buono. In questo stato di saggia innocenza si entra lasciando cadere cinismo e protezionismo, e rientrando nello stato di meraviglia che si osserva in coloro che sono molto giovani o molto vecchi. È la pratica di guardare negli occhi di uno spirito sapiente e amante, e non in quelli del cane frustrato, della creatura inseguita dell’essere ferito e in collera. Il ritorno a questo stato può comportare la necessità di scrostare anni di opinioni logore, decenni di baluardi incalliti e accuratamente costruiti, e poi restare immobili per tutto il tempo necessario allo spirito (l’anima, l’intuito) di trovarci. Si dice che tutto quello che cerchiamo sta intanto cercando noi e se ce ne stiamo immobili e innocenti ci troverà.

Crediti
 • Clarissa Pinkola Estés •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Quando l’odio è senza controllo
124% PsicologiaUmberto Galimberti
Perché ci spaventa la strage di Erba, dove una coppia di vicini uccide una madre, il suo bambino, la nonna e la signora della porta accanto? Lo spettacolo è truce, ma forse quel che più ci angoscia non è tanto la sua truculenza, quanto sapere se noi siamo⋯
 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
123% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
Tra neuroscienze, psicologia e letteratura, la nascita di unIl cervello raccontato
96% ArticoliNeuroscienzePaolo Pecere
Il rapporto tra l’attività cerebrale e l’identità di una persona è un tema attualissimo, che fin dalle sue prime formulazioni moderne ha messo in questione il ruolo della narrazione: come può collegarsi l’operare dei miliardi di neuroni che compongono il ⋯
 ⋯ Basi neurologiche della coscienza
93% ArticoliEduard PunsetJohn BarghNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯
 ⋯ La psiche come respiro
78% ArticoliPsicologia
La parola psiche la incontriamo in Omero con riferimento all’ultimo respiro. psychein, infatti, è un verbo greco che significa respirare, e anche la parola corpo (in greco soma) era riferita unicamente al cadavere, nel senso che il corpo vivo per Omero, e⋯
 ⋯ La porta della coscienza
59% ArticoliHenri BergsonPsicologia
Nell’uomo, la coscienza è soprattutto intelligenza: avrebbe dovuto, avrebbe potuto essere anche intuizione. Intuizione e intelligenza rappresentano due direzioni opposte dell’attività cosciente: la prima, procede nel senso stesso della vita; la seconda, in⋯