⋯
C’è una cautela realistica quando il pericolo è prossimo, e una ingiustificata, derivante dal fatto di essere già stati feriti in passato, che ci induce a mostrarsi suscettibili e non interessati anche quando si sente di voler dispiegare calore e affettuosa attenzione.
La svolta per una persona simile si dà quando accetta di amare anche se… anche se ha una stretta al cuore, è nervosa, è stata un tempo ferita, teme l’ignoto. Talvolta si deve semplicemente buttare. Dev’esserci a un certo punto della vita di un uomo un momento in cui va fiducioso dove l’amore lo conduce, in cui teme di più essere intrappolato nel letto asciutto di un fiume di una psiche che di trovarsi in un territorio lussureggiante ma non segnato da nessuna carta. Quando una vita è troppo controllata, sempre più diminuisce la vita da controllare.
Nella psiche c’è una creatura, un non-ferito che crede nel bene, non ha dubbi sulla vita, è saggia, e inoltre non ha paura di morire. È un io-spirito giovane, che sebbene sia stato tormentato, ferito, esiliato, continua ad amare. La sua fiducia non dipende dal fatto che l’amante non lo ferirà. La sua è la fiducia che qualunque ferita riceva, essa potrà essere curata. Che una vita nuova segue quella vecchia. È un io-innocente. Innocenza non significa ignoranza. Ignoranza è non sapere nulla, essere attratti dal buono. Innocenza è conoscere tutto, ed essere ancora attratti dal buono. In questo stato di saggia innocenza si entra lasciando cadere cinismo e protezionismo, e rientrando nello stato di meraviglia che si osserva in coloro che sono molto giovani o molto vecchi. È la pratica di guardare negli occhi di uno spirito sapiente e amante, e non in quelli del cane frustrato, della creatura inseguita dell’essere ferito e in collera. Il ritorno a questo stato può comportare la necessità di scrostare anni di opinioni logore, decenni di baluardi incalliti e accuratamente costruiti, e poi restare immobili per tutto il tempo necessario allo spirito (l’anima, l’intuito) di trovarci. Si dice che tutto quello che cerchiamo sta intanto cercando noi e se ce ne stiamo immobili e innocenti ci troverà.

Crediti
 • Clarissa Pinkola Estés •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
806% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
376% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
337% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Il mercantile
267% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Da Zarathustra a Khomeini
170% ArticoliGerhard SchweizerLibri
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occident⋯