⋯
Gli antichi greci raccontavano tante storie su Perseo, ma certamente quella che amavano di più era quella in cui il figlio di Zeus e Danae riusciva a tagliare la testa a Medusa, la terribile creatura che aveva delle serpi al posto dei capelli e rendeva di pietra gli uomini e gli animali che la guardavano negli occhi. […] È noto lo stratagemma che usò Perseo per avere la meglio su quella creatura mitica: le si avvicinò proteggendosi con uno scudo lucentissimo, che rifletteva le immagini, e in questo modo, guardando la Gorgone attraverso lo specchio, sfuggì all’incantamento e riuscì ad assestare il colpo che le staccò la testa e che subito mise in un sacco, affinché non fosse per lui più un pericolo.
Non era quindi lo sguardo di Medusa capace di rendere di pietra gli esseri viventi, come spesso si racconta, banalizzando il mito: quando guardavano il suo viso gli uomini vedevano qualcosa che li terrorizzava, fino al punto di trasformarli in pietra. Ma cosa vedevano?
Pochi sono gli artisti che hanno rappresentato la Gorgone.
Rubens dipinge una testa senza vita, con gli occhi chiusi, gettata a terra. Caravaggio fa una scelta diversa e dipinge la testa mozzata come l’aveva vista Perseo, ossia riflessa nello scudo. Ma quel viso di drammatica intensità sembra il Bacchino malato, invecchiato di qualche anno, che lo stesso Caravaggio aveva dipinto tre anni prima, rappresentando se stesso. Anche Medusa è un suo autoritratto.
A me affascina questa idea del pittore lombardo. Gli uomini, quando guardano la Gorgone, vedono se stessi e ne rimangono terrorizzati, vedono fino a che punto di malvagità possono giungere, vedono l’orrore che sono capaci di compiere, vedono le atrocità che possono infliggere ai propri simili. Ed è un’immagine capace di paralizzarli. […] Perseo vide se stesso quando rivolse il suo scudo verso Medusa e si salvò non perché l’immagine riflessa fosse meno spaventosa, ma perché non provò stupore, perché evidentemente sapeva già cosa avrebbe visto, sapeva che Medusa avrebbe avuto il suo volto ed era consapevole di quanto terribili potessero essere gli uomini.
E come Perseo, anche noi dobbiamo avere la forza di guardare in faccia il male, pur sapendo che, ancora una volta, sarà il nostro volto ciò che vedremo riflesso in quello scudo lucentissimo.

Crediti
 • Maria Stella •
 • I pensieri di Protagora •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Da Zarathustra a KhomeiniDa Zarathustra a Khomeini
106% ArticoliGerhard SchweizerLibri
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occident⋯
 ⋯ La sofferenza dell’essere bella
95% Alessandro BariccoFrammenti
Elena è una donna sola che vuole tornare a casa. Stanca di essere guardata, di essere additata come causa primordiale di tutte le sciagure o come causa di morte di migliaia di persone, accecate dal vapore velenoso del suo splendore. Ogni volta che si affo⋯
 ⋯ Animalia
70% ArticoliAutori VariLibri
Avete sentito: E ciò che è più importante fra i mortali, tutto viene da noi: da noi, gli uccelli. Il minimo che si possa dire è che la ricerca moderna non ha confermato questa ipotesi. Ma bisogna ammetterlo: la ricerca moderna, che pure ha chiarito molti ⋯
 ⋯ L’increato
64% Antonio MorescoLibri
Lasciate ogni speranza, voi ch’intrate Sono nato il 30 ottobre 1947, all’imbrunire, brandello di carne rigettato con furia da un altro corpo, concepito nove mesi prima da un soldato reduce dalla più grande guerra mai combattuta su questo pianeta e da sei ⋯
George RedhawkLa decomposizione dei corpi
41% Antonio MorescoFrammenti
Sono nato il 30 ottobre 1947, all’imbrunire, brandello di carne rigettato con furia da un altro corpo, concepito nove mesi prima da un soldato reduce dalla più grande guerra mai combattuta su questo pianeta e da sei anni di campo di concentramento, e da u⋯
 ⋯ Un impensabile scrittore: Vincenzo Rabito
41% Anna Maria TocchettoArticoliLibri
Se all’uomo in questa vita non ci incontro aventure, non ave niente darracontare- E allora raccontiamo, raccontiamolo questo scrittore italiano. Scrittore a sua insaputa, il modo migliore per esserlo davvero, senza voler scrivere o essere scrittori, ma vo⋯