Lo specchio

Ogni vorta che vado dar barbiere,
ner vede quela fila de me stessi
allineati come tanti fessi
ner gioco che me fanno le specchiere,
nun posso sta’ se nu’ je fo un versaccio
pe’ vedelli rifà quelo che faccio.
Metto fòra la lingua e cento lingue
me rifanno la stessa pantomima;
ogni testa ubbidisce: da la prima all’urtima,
ch’appena se distingue,
pareno ammaestrate a la parola
sotto er commanno d’una guida sola.
Se invece penso a te, ciumaca mia,
nun potrei garantì che, ner ricordo,
queli me stessi vadino d’accordo
come ner gioco de fisonomia;
anzi, quarcuno dubbita e me pare
che nun veda le cose troppo chiare.
Qualunque idea me nasce ner cervello
se cambia così presto e così spesso
che nun fo in tempo de guardà me stesso
che già er pensiero mio nun è più quello.
Immaggina un po’ tu quello che sorte
da un omo che riflette cento vorte!
Ciò fatto caso giusto stammattina;
dopo d’avemme insaponato er viso
er barbiere m’ha chiesto a l’improviso:
– L’ha più rivista quela signorina?

– Chi? – dico – Bice? –
E m’è rimasta come la bocca amara
né ridì quer nome…
Subbito cento bocche, tutte eguale,
piegate ne la smorfia d’un dolore,
hanno inteso er rimpianto d’un amore,
hanno ridetto er nome tale e quale;
ma quant’idee diverse!
quante cose leggevo in quele facce pensierose!
Io dicevo: – Ormai tutto sfumò…
– E quelli appresso: – Certo… – Chi lo sa?…
– E se tornasse? – Che felicità!
Ce faccio pace subbito… – Però…
Doppo quela scenata che ce fu…
è forse mejo che nun torni più.
– Me ricordo li baci de quer giorno…
– E quelo schiaffo che j’appiccicai…
– Si, feci male… – Feci bene assai!
Ciaveva un conte che je stava intorno…
Era un’infame… – Un angelo… – Una strega…
– Chi se la po’ scordà? – Chi se ne frega! –
E scoprivo in ognuno un pentimento,
una gioja, un rimorso, un desiderio…
Ma quanno me so’ visto così serio
m’è venuto da ride…
E tutti e cento m’hanno risposto,
pronti a la chiamata,
con una risatina sminchionata.


Crediti
 • Trilussa •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ La fede
32% PoesieTrilussa
Quela Vecchietta ceca, che incontrai la notte che me persi in mezzo ar bosco, me disse: – Se la strada nù la sai, ti ciaccompagno io, ché la conosco. Se ciai la forza de venimme appresso, de tanto in tanto te darò una voce fino là in fonno, dove c’è un ci⋯

Egon Schiele ⋯ Laddove nasce il vento
32% Manuele DalcestiPoesieSchiele Art
Faccio parte di quella stirpe a cui nessuno ha mai regalato nulla, a cui nessuno ha mai concesso fiducia o simpatia. Faccio parte di quella stirpe che ha dovuto conquistarsi tutto da sola, le stesse cose degli altri, ma col doppio della fatica e del lavor⋯

Egon Schiele ⋯ La lucciola
29% Schiele ArtTrilussa
La Luna piena minchionò la Lucciola: – Sarà l’effetto de l’economia, ma quer lume che porti è deboluccio… – Si – disse quella – ma la luce è mia!

Egon Schiele ⋯ EmbraceL’ingiustizzie der monno
26% PoesieSchiele ArtTrilussa
Quanno che senti di’ cleptomania è segno ch’è un signore ch’ha rubbato: er ladro ricco è sempre un ammalato e er furto che commette è una pazzia. Ma se domani è un povero affamato che rubba una pagnotta e scappa via pè lui nun c’è nessuna malatia che j’im⋯

Sergio BeronzoGiocando a non giocare
24% PoesieRonald David Laing
Stanno giocando a un gioco. Stanno giocando a non giocare a un gioco. Se mostro loro che li vedo giocare, infrangerò le regole e mi puniranno. Devo giocare al loro gioco, di non vedere che vedo il gioco.

Egon Schiele ⋯ Woodland prayerMagico Natale
22% Gianni RodariPoesieSchiele Art
S’io fossi il mago di Natale farei spuntare un albero di Natale in ogni casa, in ogni appartamento dalle piastrelle del pavimento, ma non l’alberello finto, di plastica, dipinto che vendono adesso all’Upim: un vero abete, un pino di montagna, con un po’ d⋯