L’ombra e il male nelle fiabe
L’ombra, come archetipo e parte oscura della psiche umana, si manifesta nelle fiabe sotto le spoglie di personaggi spaventosi che torrorizzano i bambini: l’orco. il gigante, il vampiro. Ma secondo Jung, il mondo delle fiabe presenta tipologie di personaggi ricorrenti, eroi coraggiosi, messaggeri, streghe, maghi, principesse, che rappresentano altrettante funzioni psicologiche. L’ombra è la dimora dei mostri che abbiamo dentro di noi e trova, quindi, rappresentazioni nelle figure degli antagonisti che minacciano l’eroe provocando conflitti e distruzione.
Le storie raccontate nelle fiabe, in cui l’eroe o l’eroina sconfiggono l’antagonista, mettono in scena la vita della psiche. Il superamento delle vicende, dei tormenti e dei dolori che la psiche attraversa ne causa la piena maturazione. Pensiamo a Cappuccetto Rosso… lasciando la casa e addentrandosi nel bosco la bambina comincia il suo viaggio nella vita. Per trovare la nonna, che rappresenta il , deve fare esperienza della paura, dell’amore, della morte. L’incontro con l’antagonista, il lupo, è la perdita dell’innocenza, l’incontro con il maschile ma anche con la propria ombra e con la morte. E grazie a questo incontro che la piccola ed ingenua bambina diventa una donna adulta.
Di fronte alla minaccia della distruzione bisogna imparare a trovare la propria forza aggressiva. Ed ecco che il lupo, che ha divorato Cappuccetto e la nonna, viene sconfitto dal cacciatore, il guerriero. L’eroina e la nonna escono come il finalmente ricomposto dalla pancia del maligno ombra.

Crediti
 • Carl Gustav Jung •
 • Jung e la psicologia dell'anima •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
112% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
 ⋯ Quando l’odio è senza controllo
97% PsicologiaUmberto Galimberti
Perché ci spaventa la strage di Erba, dove una coppia di vicini uccide una madre, il suo bambino, la nonna e la signora della porta accanto? Lo spettacolo è truce, ma forse quel che più ci angoscia non è tanto la sua truculenza, quanto sapere se noi siamo⋯
 ⋯ La psiche come respiro
92% ArticoliPsicologia
La parola psiche la incontriamo in Omero con riferimento all’ultimo respiro. psychein, infatti, è un verbo greco che significa respirare, e anche la parola corpo (in greco soma) era riferita unicamente al cadavere, nel senso che il corpo vivo per Omero, e⋯
Tra neuroscienze, psicologia e letteratura, la nascita di unIl cervello raccontato
80% ArticoliNeuroscienzePaolo Pecere
Il rapporto tra l’attività cerebrale e l’identità di una persona è un tema attualissimo, che fin dalle sue prime formulazioni moderne ha messo in questione il ruolo della narrazione: come può collegarsi l’operare dei miliardi di neuroni che compongono il ⋯
 ⋯ L’invenzione dell’inconscio
58% ArticoliJacques LacanPsicologia
Il movimento fondamentale dell’insegnamento di Lacan è un ritorno a quella che egli considera l’invenzione principale di Freud: l’inconscio. Lacan sottolinea l’inconscio come invenzione di Freud, nel senso che questi, non è il Cristoforo Colombo della psi⋯
 ⋯ L’albedo e l’Ombra
51% Carl Gustav JungPsicologia
 L’albedo corrisponde ad un processo di distillazione dell’Io dall’inconscio. Se l’opera al nero ha consentito di sperimentare una sorta di morte della propria vecchia personalità, con l’albedo comincia un processo di rinascita che porta un nuovo e più am⋯