⋯
L’ombra, come archetipo e parte oscura della psiche umana, si manifesta nelle fiabe sotto le spoglie di personaggi spaventosi che torrorizzano i bambini: l’orco. il gigante, il vampiro. Ma secondo Jung, il mondo delle fiabe presenta tipologie di personaggi ricorrenti, eroi coraggiosi, messaggeri, streghe, maghi, principesse, che rappresentano altrettante funzioni psicologiche. L’ombra è la dimora dei mostri che abbiamo dentro di noi e trova, quindi, rappresentazioni nelle figure degli antagonisti che minacciano l’eroe provocando conflitti e distruzione.
Le storie raccontate nelle fiabe, in cui l’eroe o l’eroina sconfiggono l’antagonista, mettono in scena la vita della psiche. Il superamento delle vicende, dei tormenti e dei dolori che la psiche attraversa ne causa la piena maturazione. Pensiamo a Cappuccetto Rosso… lasciando la casa e addentrandosi nel bosco la bambina comincia il suo viaggio nella vita. Per trovare la nonna, che rappresenta il , deve fare esperienza della paura, dell’amore, della morte. L’incontro con l’antagonista, il lupo, è la perdita dell’innocenza, l’incontro con il maschile ma anche con la propria ombra e con la morte. E grazie a questo incontro che la piccola ed ingenua bambina diventa una donna adulta.
Di fronte alla minaccia della distruzione bisogna imparare a trovare la propria forza aggressiva. Ed ecco che il lupo, che ha divorato Cappuccetto e la nonna, viene sconfitto dal cacciatore, il guerriero. L’eroina e la nonna escono come il “” finalmente ricomposto dalla pancia del maligno ombra.

Crediti
 • Carl Gustav Jung •
 • Jung e la psicologia dell'anima •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
340% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
242% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
204% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Il viandante e la sua ombra
182% FilosofiaFriedrich Nietzsche
L’ombra: Giacché è tanto tempo che non ti sento parlare, vorrei dartene un’occasione. Il viandante: Parla – dove? e chi? è quasi come se sentissi parlare me stesso, solo con voce più debole della mia. L’ombra: (dopo una pausa): Non sei contento di avere u⋯
Da Zarathustra a Khomeini
162% ArticoliGerhard SchweizerLibri
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occident⋯