L’ordine nasce dalla comprensione del disordine
Se desidero conoscere me stesso, è necessario prima di tutto che la mia mente sia capace di osservare senza distorsioni. […] Devo convincermi delle deviazioni […] che mi impediscono di osservare me stesso: questo tipo di osservazione è l’inizio della conoscenza di sé.
Io vorrei fare piena esperienza di ogni pensiero e sentimento che è al mio interno, ma la mia ATTENZIONE vaga senza sosta. […] Con questo movimento continuo, non posso scoprire il significato profondo dei pensieri e dei sentimenti. Le mie reazioni devono rallentare: ma come? Non è qualcosa che può venire imposto […]. Tuttavia, quando mi concentro per vedere, questo atto in sé diminuisce la velocità della reazione. […] C’è un istante, prima che compaia la reazione, in cui posso veder sorgere pensieri e sentimenti. Li vedo come eventi, come ‘fatti’. Per la prima volta comprendo cos’è un fatto: qualcosa che non posso cambiare, che non posso evitare, qualcosa che è. È vero! Se il mio solo interesse è vedere, non intervengo, e appare allora il significato reale di questi pensieri e sentimenti. La verità diventa estremamente potente, per me. In questo stadio la mia conoscenza è scomparsa: esiste solo la ricerca. […] Vedere non è un’idea: è un atto, l’atto di vedere. […] È un atto completo, un’esperienza che può verificarsi solo se non c’è separazione tra ciò che vede e ciò che viene visto, se non c’è alcun punto di vista da cui avvenga l’osservazione. Sorge allora un sentimento molto particolare, un desiderio di conoscere. È un affetto che abbraccia tutto ciò che vedo e a nulla è indifferente. Ho bisogno di vedere. Quando comincio a vedere, comincio ad amare quel che vedo. Non più separato, sono in contatto con quel che vedo, intensamente, totalmente. Conosco, e questo conoscere è il risultato di questa nuova condizione. Mi risveglio a ciò che sono e tocco la sorgente del vero amore, una qualità dell’essere. […] Sento la necessità di vedere, un sentimento completamente diverso dal voler cambiare perché ieri mi sentivo meglio. Poi, poco a poco, le tensioni corporee si allentano da sole. La mente vede senza cercare un risultato e il corpo si apre a una qualità differente. L’energia si libera e appare una realtà interna. Non c’è più contraddizione. Vedo, solo questo… soltanto, vedo. […] Non c’è tempo per formulare, per dare un nome o per giudicare. Non c’è più il pensiero. La mente si fa quieta e sensibile: estremamente viva, ma quieta. Vede senza distorsioni. […] L’ordine nasce dalla comprensione del disordine. Essere disordine e, al tempo stesso, essere presenti al disordine, porta a conoscere una possibilità diversa, un diverso ordine delle cose.

Crediti
 • Jeanne de Salzmann •
 • La realtà dell'essere •
 • SchieleArt • Imagno Portrait of Arthur Roessler • 1910 •

Similari
Egon Schiele ⋯ Triple Self-PortraitBasta che mi vuoi come amico
57% Jorge Luis BorgesPoesieSchiele Art
Non posso darti soluzioni per tutti i problemi della vita Non ho risposte per i tuoi dubbi o timori, però posso ascoltarli e dividerli con te Non posso cambiare né il tuo passato né il tuo futuro Però quando serve starò vicino a te Non posso evitarti di p⋯

Egon Schiele ⋯ Ricordo per conservare se stesso
39% FilosofiaGiovanni Romano BacchinSchiele Art
Rapportarsi a qualcosa esclusivamente rapportandosi a se stesso: nella sensibilità vi è un unico modo di rapportarsi alla cosa, ossia rapportare la cosa a se stesso secondo il modo di cui si rapporta. Ιδιωτης (idiòtes) è colui che tutto vede in una luce p⋯

Egon Schiele ⋯ L’inquietudine dell’individuo
36% ArticoliPsicologiaSchiele ArtUmberto Galimberti
Le nostre sofferenze psichiche, i nostri disagi esistenziali dipendono sempre da conflitti interni, da traumi remoti, da coazioni a ripetere esperienze antiche e in noi consolidate come vuole la psicanalisi, o qualche volta, e magari il più delle volte, d⋯

Egon Schiele ⋯ Nude with violet stockings and black hairA causa della superficialità onnipresente
35% FilosofiaJean Paul JouarySchiele Art
A quanto pare siamo tutti d’accordo che pensare è un’attività frequente, anzi essa è costante, contraddistingue noi da tutti gli altri esseri viventi. Ricordandoci di questa eccezionale caratteristica, ci viene da chiederci: non è forse meglio farlo con p⋯

Egon Schiele ⋯ Kauernde mit blauen StrümpfenC’è soluzione a questo?
34% Roberto BolañoSchiele Art
C’è soluzione a questo? A volte incontro dei contadini che parlano un’altra lingua. Li fermo, chiedo dei campi. Loro mi dicono che non lavorano nei campi. Mi dicono che sono operai, di Santiago o dei sobborghi di Santiago, e che non hanno mai lavorato nei⋯

Egon Schiele ⋯ Parole ausiliarie del pensiero
32% Aleksandr LurijaSchiele Art
Più a lungo la mia mente rimugina cercando nella memoria le parole necessarie per esprimere questo pensiero, più diventa difficile ricordare le parole adatte. Ma qualcosa devo pur ricordare, almeno parole approssimative, generiche, non esatte, almeno quel⋯