Egon Schiele ⋯ Self-portrait
Se si considera fino in fondo quanto sia grande e coinvolgente il problema di questa nostra esistenza così ambigua, tormentata, effimera e simile al sogno – talmente grande e coinvolgente da mettere in ombra e nascondere tutti gli altri problemi e obiettivi; e se si considera come, nondimeno, tutti gli uomini, tranne alcune rarissime eccezioni, non abbiano una chiara consapevolezza di tale problema, anzi non sembrino nemmeno rendersene conto, infatti costoro si occupano di tutto fuorché di tale problema, vivendo alla giornata e interessandosi soltanto del breve lasso di tempo occupato dal loro futuro personale, sicché o respingono recisamente quel problema, o si rassegnano volentieri ad affrontarlo mediante i sistemi popolari della filosofia, ovvero le religioni, la cui incoerenza è tale da costringerli a sostituirne la mancanza di evidenza e di fondatezza con minacce in questo o nell’altro mondo, anzi, di quando in quando, addirittura con roghi, e si accontentano di tutto questo.
Se dunque si considera sino in fondo quanto detto fin qui, d’ora innanzi non ci si potrà più meravigliare di qualsiasi tratto di superficialità, di dabbenaggine e di stupidità, bensì si saprà una volta per tutte che l’orizzonte intellettuale dell’uomo ordinario non è poi così differente (come invece si suppone) da quello dell’animale, la cui esistenza è come se coincidesse interamente con il presente, senza riferimento al passato e al futuro, e la cui coscienza è limitata in tutto e per tutto alla comprensione dell’attimo. Che senso ha una filosofia per esseri simili? Se però l’altezza del valore intellettuale può essere correttamente stimata in base al grado in cui un uomo si rende conto e si occupa del problema dell’esistenza, in quali sublimi altezze si collocano allora gli Indù e gli antichi Egizi rispetto agli Europei!

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • SchieleArt • Leemage Self-portrait • 1914 •

Similari
Il caso Nietzsche
649% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
291% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Filosofia e rivoluzione: il testo, il contesto e la trama
248% ArticoliFilosofiaRaimon Panikkar
“Philosophy and Revolution: the Text, the Context and the Texture” è un articolo che Panikkar ha pubblicato nel luglio del 1973 sulla rivista di studi interculturali «Philosophy East and West», vol. 23, n° 3, pp. 315-322. Mai apparso in traduzione italian⋯
Sapere di non essere
232% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
208% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯