Alberto Giacometti ⋯ L'homme qui marche
E allora, di colpo, c’è stata una scissione. […] Ogni giorno mi svegliavo nella mia camera, c’era la sedia con un asciugamano sopra, e questo m’impressionava, mi provocava quasi un brivido alla schiena, perché tutto aveva l’aria di un’immobilità assoluta. Una sorta di inerzia, di perdita di peso: l’asciugamano sulla sedia non aveva peso, non aveva alcun rapporto con la sedia, la sedia sul pavimento non vi pesava sopra, era inerte, nello stesso modo, e questo trasmetteva una sorta d’impressione di silenzio… Era un inizio. Così è avvenuta una trasformazione nella visione di tutto… come se il movimento non fosse più che una successione di punti di immobilità. Una persona che parlava non esprimeva più un movimento, erano delle immobilità che si succedevano, completamente staccate l’una dall’altra; momenti immobili che avrebbero potuto durare, dopotutto, delle eternità, interrotti e seguiti da un’altra immobilità. Ricordo una volta che chiesi qualcosa al bar, il cameriere aprì la bocca e disse non so cosa: quel movimento della bocca mi parve una successione di momenti immobili, discontinui, assolutamente discontinui. L’uomo diventava una specie di ignoto totale, meccanico; implicava l’idea della meccanica. La coscienza che ognuno, in quasi tutto ciò che diceva, fosse come un meccanismo, come se dicesse solo cose imparate e quasi in una sorta di incoscienza. Sì, dei meccanismi incoscienti, come la gente per strada, che va e viene… un po’ come le formiche, ognuno ha l’aria di andare per conto suo, tutto solo, in una direzione che gli altri ignorano. Si incrociano, si sorpassano… senza vedersi, senza guardarsi. O girano attorno a una donna. Una donna immobile e quattro uomini che camminano in un rapporto più o meno stretto con la donna. Mi resi conto che avrei potuto fare solo una donna immobile e un uomo che cammina. E da allora la donna la faccio sempre immobile e l’uomo lo faccio sempre in cammino.

Crediti
 • Alberto Giacometti •
  • da una conversazione con Pierre Schneider •
 • Pinterest • Alberto Giacometti L'homme qui marche • 1960 •

Similari
Egon Schiele ⋯ LL’abbraccio: opera che parla ai nostri giorni
59% ArticoliDaniel di SchulerSchiele Art
A bocca aperta. Sara rimasto così, Gustav Klimt, vedendo quei fogli dell’album. Come Perugino quando Raffaello gli avrà mostrato quel che papà gli aveva insegnato. Come chi avrà sentire suonare l’ancor più giovane Mozart. Come tutti quelli cui capita di t⋯
Egon Schiele ⋯ Self-Portrait with Lowered HeadAll’ingresso dell’associazione degli scrittori
49% FrammentiMihail BulgakovSchiele Art
 Una donna pallida e annoiata con i calzini bianchi e un basco bianco sedeva su una sedia di vimini presso l’ingresso della veranda all’angolo, dove tra il verde del pergolato era stata praticata un’apertura d’accesso. Davanti a lei, su un comune tavolo d⋯
 ⋯ Vorrei essere cipresso
48% DisegniVincent Van Gogh
Un’altra notte insonne; un’altra notte inquieta. L’ennesima. Eppure questa notte è più calma del solito. L’aria è ferma, rappresa. Sembra colare lungo le pareti; scendere lentamente dal soffitto e immergere ogni cosa. Scivola piano sul pavimento. Anche st⋯
Egon Schiele ⋯ I passi di Parra
47% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Ora Parra cammina ora Parra cammina per Las Cruces io e Marcial ce ne stiamo quieti ad ascoltare i suoi passi il Cile è un corridoio lungo e stretto senza uscita apparente le Fiandre indiane che bruciano laggiù agli antipodi un incendio costellato di impr⋯
Espressionismo austriacoEspressionismo austriaco
43% Edward Lucie-SmithMedia
Egon Schiele, grande rappresentante dell’espressionismo austriaco e uno dei più brillanti disegnatori di tutti i tempi; talento precoce, tanto che fu considerato, da molti dei suoi contemporanei, come il successore predestinato di Gustav Klimt, anche se n⋯
Egon Schiele ⋯ Le tue decisioni tragiche
41% Julio CortázarSchiele Art
E sì, pare che sia così, pare che te ne sia andata dicendo non so cosa, che andavi a gettarti nella Senna, qualcosa di simile, una di quelle frasi da notte fonda, mescolate a lenzuola e a bocca impastata, quasi sempre nel buio o con qualcosa come mano o p⋯