Gustave Doré ⋯ L'ultima cena
Ma non sì che paura non mi desse
la vista che m’apparve d’un leone.
Questi parea che contra me venisse
con la test’alta e con rabbiosa fame,
sì che parea che l’aere ne tremesse.
Ed una lupa, che di tutte brame
sembrava carca nella sua magrezza,
e molte genti fè già viver grame,
questa mi porse tanto di gravezza
con la paura ch’uscìa di sua vista,
ch’io perdei la speranza dell’altezza.

Crediti
 • Dante Alighieri •
 • Sulla fame, sulla paura, sulla speranza •
  • I, 44-54 •
 • Pinterest • Gustave Doré L'ultima cena • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Egon Schiele ⋯ Il verme
55% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Rendiamo grazie per la nostra povertà, disse il tipo vestito di stracci. Lo vidi con quest’occhio: vagava per un paese di case piatte, fatte di cemento e mattoni, fra Messico e Stati Uniti. Rendiamo grazie per la nostra violenza, disse, anche se sterile c⋯
 ⋯ I poveri si erano venduti
37% Ascanio CelestiniPoesie
I poveri erano così tanto poveri che presero la loro fame e la misero in bottiglia e se la andarono a vendere. Se la comprarono i ricchi, i ricchi che nella vita avevano mangiato di tutto, dal caviale ripieno all’ossobuco di culo di cane allo spiedo. Però⋯
Egon Schiele ⋯ Crouching Nude GirlSilenziosa luna
33% Giacomo LeopardiPoesieSchiele Art
Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, Silenziosa luna? Sorgi la sera, e vai, Contemplando i deserti; indi ti posi. Ancor non sei tu paga Di riandare i sempiterni calli? Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga Di mirar queste valli? Somiglia alla tu⋯
Egon Schiele ⋯ Nudo femminile con calze verdiMio giorno
29% Ferruccio MasiniPoesieSchiele Art
che ti disseti nell’ombra tagliente del pietrisco nella vertigine delle più alte torri sei quel poco che mi fu concesso per elevarmi fino alla mia statura e scavare la terra e far crescere il grano Gli anni che si distillano nei tuoi silenzi sono un filo ⋯
 ⋯ Poesia Malawi
27% Jack MapanjePoesie
Avevo fame e voi avete fondato un club a scopo umanitario e avete discusso della mia fame. Ve ne ringrazio. Ero in prigione e voi siete entrati furtivamente in chiesa a pregare per la mia liberazione. Ve ne ringrazio. Ero nudo e voi avete esaminato seriam⋯
TintorettoUrlano di fame, come un vecchio cane
24% Charles BaudelairePoesie
Razza d’Abele, dormi, bevi e mangia: con che compiacimento ti sorride Dio! Razza di Caino, striscia nel fango e muori miserabile! Razza d’Abele, il tuo sacrificio accarezza il naso ai Serafini! Razza di Caino, il tuo supplizio potrà mai avere fine? Razza ⋯