Maestri della fotografia
Jerry Uelsmann è uno dei più grandi maestri della fotografia moderna e contemporanea. Nato nel 1934 a Detroit, fa parte di un selezionato gruppo di artisti che ha cambiato il linguaggio stesso del mezzo fotografico. Fin dagli inizi della sua carriera, verso la fine degli anni ’50, divenne il pioniere di un nuovo approccio – diametralmente opposto all’estetica prevalente in quel periodo – che influenzò un’intera generazione di artisti e fotografi. Le sue immagini dal sapore onirico creano spontanee associazioni, riferimenti e omaggi alla pittura di René Magritte, alla psicologia di Carl Jung e alle fotografie di Man Ray.
Ci sono situazioni in cui si può comprendere il lavorìo pre-verbale. È oltre il linguaggio, ma è un’autentica impressione di relazione e di connessione con tutto ciò che non può essere articolato in un’altra forma (parole). Ovviamente questo accade soprattutto quando si ascolta musica e si riesce a sentire cose che non possono essere espresse in modo conciso. Penso che possa accadere anche e molto nel caso delle opere visuali. Tutto quello che ho fatto è stato di trovare un modo di lavorare che è comune alle persone delle altre attività artistiche: (l’idea) è che vi sia un dialogo con gli oggetti (materiali) in modo che la creazione di un’immagine si snodi su un periodo di tempo.

Crediti
 Jerry Uelsmann
  1997
  Intervista con Karabinis
 Pinterest •   • 




Quotes casuali

Il Tao in eterno non agisce
e nulla v'è che non sia fatto.
Se principi e sovrani fossero capaci d'attenervisi,
le creature da sé si trasformerebbero.
Quelli che per trasformarle bramassero operare
io li acquieterei
con la semplicità di quel che non ha nome
anch'esse non avrebbero brame,
quando non han brame stanno quiete
e il mondo da sé s'assesta.
Lao Tzu
Tao Te Ching
Ci sarà in una delle prossime generazioni un metodo per far amare alle persone la loro condizione di servi e quindi produrre dittature senza lacrime; una sorta di campo di concentramento senza dolore per intere società in cui le persone saranno private di fatto della loro libertà, ma ne saranno piuttosto felici.Thomas Henry Huxley
Molte vite molti maestri
Quando non si conosce la verità di una cosa, è bene che vi sia un errore comune che fissi la mente degli uomini. La malattia principale dell'uomo è la malattia inquieta delle cose che non può conoscere; e per lui è minor male essere nell'errore che in quella curiosità inutile.Mirco