Maniera memorabile di unirsi alla storia
Scrivere per non morire, affidarsi alla sopravvivenza delle opere, è quanto lega l’artista al proprio compito. Il genio affronta la morte, l’opera è la morte resa vana o trasfigurata o, secondo le sfuggenti parole di Proust, resa meno amara, meno ingloriosa e forse meno probabile. Può essere. Non opporremo a questi sogni, tradizionalmente attribuiti ai creatori, la riflessione su quanto siano essi recenti, quanto siano legati, appartenendo al nostro Occidente, allo sviluppo di una concezione umanistica dell’arte, in cui l’uomo cerca di glorificare sé stesso nelle proprie opere ed agire in esse, perpetuando la propria azione. Ciò è certamente importante e significativo. Ma l’arte, a questo punto, è solo una maniera memorabile di unirsi alla storia. I grandi personaggi storici, gli eroi, i grandi guerrieri, non meno degli artisti, si mettono così al riparo dalla morte; entrano nella memoria dei popoli; sono esempi, presenze attive. Ma questa forma di individualismo ben presto cessa d’essere soddisfacente. Ci si accorge che, se quello che importa, è soprattutto il lavoro della storia, l’azione nel mondo, lo sforzo comune per la verità, è vano voler restare sé stessi al di là della scomparsa, desiderare di rimanere immobili e duraturi in un’opera che sovrasti il tempo: questo è vano ed inoltre contrario a ciò che si vuole. Ciò che occorre non è abitare l’eternità pigra degli idoli, ma mutare, scomparire per cooperare alla trasformazione universale: agire senza nome e non essere un puro nome ozioso. Allora i sogni di sopravvivenza delle creature appaiono non soltanto meschini ma sbagliati e qualsiasi vera azione, compiuta anonimamente nel mondo, per un avvento del mondo, sembra affermare sulla morte un trionfo più giusto, più sicuro, almeno libero dal miserabile rimpianto di non essere più se stessi.

 
Crediti
 • Maurice Blanchot
 • Pinterest • Trini Schultz  • 

Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
1666%  •  ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
540%  •  Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯


Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
494%  •  ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯


 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
493%  •  ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯


 ⋯La gloria
473%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
In ciò che si rappresenta ci resta da esaminare per ultimo la gloria. Onore e gloria sono gemelli, ma alla maniera dei Dioscuri di cui uno, Polluce, era immortale e l’altro, Castore, mortale: l’onore è il fratello mortale della gloria immortale. È evident⋯


 ⋯ L’onore
422%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
La discussione sull’onore sarà molto più difficile e molto più lunga di quella sul grado. Prima di tutto dovremo definirlo. Se a tal uopo dicessi: «L’onore è la coscienza esterna, e la coscienza è l’onore interno», la definizione potrebbe forse piacere a ⋯