⋯
Cosi, proprio come il cane del colono messo a guardia del pollaio finisce, dopo tanto difendere i padroni dei polli dai ladri, col convincersi che gli torna meglio il conto unirsi a questi ultimi e divorarsi qualche pollo, anziché restar fedele e vigile, per lasciarli mangiare al padrone dal quale tutt’al più può aspettarsi in premio una scudisciata e le ossa; similmente formulano la medesima convinzione non pochi di quegli esseri che la società arruola ed arma per metterli a guardia e a difesa della sacra proprietà. In una società per la quale il ladrocinio è un po’ la fonte battesimale, nelle cui acque si purificano quotidianamente, è logico che i ladri più forti e potenti abbiano bisogno di un corpo di mastini che difenda il loro pingue bottino. E la polizia c’è. Ma c’è anche la corruzione, quando la società è corrotta. Accade così che spesso la Legge e il Delitto — i quali hanno bisogno l’una dell’altro — se ne vadano comodamente delinquendo a braccetto, quando sui viali protetti della Legge e quando su quelli insidiosi del Delitto. (Chi sa mai quale differenza corra fra la Legge e il Delitto e se l’una e l’altro non siano in fondo la medesima cosa. Ma per intenderci meglio bisognerebbe capovolgere i valori correnti e il significato delle parole).
Ed ecco che due rappresentanti della Legge, due autentiche guardie regie in debita montura, in compagnia di parecchi altri, falsi agenti, anziché portarsi per l’impunito viale della Legge si sono lasciati trascinare su quello pericoloso del Delitto. Mediante il quale sono arrivati in una piazza di Milano e di qui sono penetrati nell’ufficio di una ditta al di cui padrone che dovevano difendere e salvaguardare la proprietà, hanno invece rapinato quanto teneva nella cassaforte. I due mastini infedeli… sono però stati rintracciati ed assicurati al castigo della Legge. Certo che se essi seguivano le vie che lascia aperte quest’ultima potevano a bell’agio raggruzzolare un maggior bottino e ottenere, al posto degli odierni castighi del codice, magari una commendatizia… Ma non sono costoro i primi né gli ultimi dei mastini che sbagliano strada.

Crediti
 • Auro d'Arcola •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
258% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
 ⋯ Vogliate essere liberi, e lo sarete!
158% Michail BakuninPolitica
Cari compagni, vi ho detto la volta scorsa che due grandi avvenimenti storici avevano fondato la potenza della borghesia: la rivoluzione religiosa del sedicesimo secolo, conosciuta col nome di Riforma, e la grande Rivoluzione politica del secolo scorso. Ho⋯
 ⋯ Elogio del crimine
85% Karl MarxPolitica
Un filosofo produce idee, un poeta poesie, un pastore prediche, un professore manuali ecc. Un delinquente produce delitti. Se si esamina da più vicino la connessione che esiste tra quest’ultima branca di produzione e l’insieme della società, ci si ravvede⋯
Hans Silvester ⋯ People of the Omo ValleyTestamento Politico di Sartre
82% ArticoliJean-Paul SartrePolitica
Abolizione del governo in tutte le sue forme, monarchica o repubblicana, che si basa sull’ egemonia di uno solo nell’egemonia della maggioranza. Istituzione dell’anarchia, della sovranità individuale, della libertà totale, illimitata, assoluta libertà di ⋯
Delcy RodríguezConsiglio Permanente dell’OSA
80% ArticoliDelcy RodríguezPolitica
Sua Eccellenza Delcy Rodríguez Gómez, Segretario Generale dell’OSA, Luis Almagro, vice segretario generale non presente, Illustri Rappresentanti permanenti e supplenti, rappresentanti degli Stati osservatori, invitati speciali, signore e signori. Ministro⋯
 ⋯ Il potere e l’onore
80% ArticoliGiuseppe TortoraPolitica
Quando penso a certi personaggi che hanno popolato le nostre aule parlamentari, non riesco a fare a meno di pensare ad una famosa scena del film «Totò a colori». In treno, in uno scompartimento del vagon-lit, il sospettoso Antonio Scannagatti, musicista i⋯