TestaI ritiri, i sacrifici e gli impedimenti ciclici riducevano il loro utile annuale a 42 giorni sparsi in una rete di croci viola. Convinto che il tempo avrebbe abbattuto quella recinzione ostile, Aureliano Segundo prolungò oltre il termine previsto la festa del matrimonio. Esaurita dal gettare nel bidone della spazzatura bottiglie vuote di brandy e champagne per liberare la casa, e allo stesso tempo intrigata dal fatto che gli sposi dormissero a orari diversi e in stanze separate mentre continuavano i fuochi d’artificio, la musica e i sacrifici di animali, Úrsula ricordò la sua esperienza e si chiese se Fernanda non avesse anche una cintura di castità che prima o poi avrebbe suscitato il riso del popolo e causato una tragedia. Ma Fernanda confessò che semplicemente stava aspettando due settimane prima di concedere il primo contatto con il marito. Trascorso il termine, infatti, aprì la porta della sua stanza con la stessa rassegnazione al sacrificio con cui avrebbe fatto una vittima espiatoria, e Aureliano Segundo vide la donna più bella della terra, con i suoi gloriosi occhi da animale spaventato e i lunghi capelli color rame stesi sul cuscino. Così affascinato era dalla visione che impiegò un istante per accorgersi che Fernanda indossava una camicia da notte bianca, lunga fino alle caviglie e con le maniche fino ai polsi, e con un grande occhiello rotondo pregevolmente bordato all’altezza dell’addome. Aureliano Segundo non riuscì a trattenere una risata. Questo è il più osceno che abbia mai visto in vita mia, gridò, con una risata che echeggiò per tutta la casa. Mi sono sposato con una suora.
Un mese dopo, non riuscendo a far togliere alla moglie la camicia da notte, andò a fare il ritratto di Petra Cotes vestita da regina. In seguito, quando riuscì a far tornare Fernanda a casa, lei cedette ai suoi impeti nella febbre della riconciliazione, ma non seppe fornirgli il riposo che lui sognava quando la andò a cercare nella città dei trentadue campanili. Aureliano Segundo trovò in lei solo un profondo senso di desolazione. Una notte, poco prima della nascita del primo figlio, Fernanda si accorse che suo marito era tornato segretamente nel letto di Petra Cotes.
Così è, ammise lui. E spiegò con tono di rassegnata accettazione: ho dovuto farlo, perché gli animali continuassero a partorire. Ci volle un po’ di tempo per convincerla di questo strano espediente, ma quando finalmente ci riuscì, attraverso prove che sembrarono irrefutabili, l’unica promessa che Fernanda gli impose fu di non farsi sorprendere dalla morte nel letto della sua concubina. Così continuarono a vivere in tre, senza intralciarsi, con Aureliano Segundo premuroso e affettuoso con entrambe, Petra Cotes pavoneggiandosi della riconciliazione, Fernanda fingendo di ignorare la verità.

Crediti
 Gabriel Garcia Marquez
 Cento anni di solitudine
 SchieleArt •  Kopf • 




Quotes per Gabriel García Márquez

Le aveva insegnato che nulla di quanto si fa a letto è immorale se contribuisce a perpetuare l'amore. E una cosa che da allora in poi sarebbe stata la ragione della sua vita: l'aveva convinta che si viene al mondo con i propri orgasmi contati, e quelli che non vengono usati per qualsiasi motivo, proprio o altrui, volontario o coatto, sono persi per sempre.  L'amore ai tempi del colera

Dio mio se avessi un pezzo di vita, non lascerei passare un solo giorno senza dire alle persone che amo, che le amo. Direi ad ogni uomo e ad ogni donna che sono i miei prediletti e vivrei innamorato dell'amore. Mostrerei agli uomini quanto sbagliano quando pensano di smettere di innamorarsi man mano che invecchiano, non sapendo che invecchiano quando smettono di innamorarsi.

Si lasciò trasportare dalla sua convinzione che gli esseri umani non nascono sempre il giorno in cui le loro madri li danno alla luce, ma che la vita li costringe ancora molte altre volte a partorirsi da sé.  L'amore ai tempi del colera

Capita che sfiori la vita di qualcuno, ti innamori e decidi che la cosa più importante è toccarlo, viverlo, convivere le malinconie e le inquietudini, arrivare a riconoscersi nello sguardo dell'altro, sentire che non ne puoi più fare a meno e cosa importa se per avere tutto questo devi aspettare cinquantatré anni sette mesi e undici giorni notti comprese?