Nudo femminile con calze verdi
che ti disseti nell’ombra tagliente del pietrisco
nella vertigine delle più alte torri
sei quel poco che mi fu concesso
per elevarmi fino alla mia statura
e scavare la terra e far crescere il grano
Gli anni che si distillano nei tuoi silenzi
sono un filo impalpabile a cui si sostiene il mare
la forma del vento la conchiglia sonora
della tua piccola eternità finché un gesto
imperioso tronca il grido e il lamento
la maledizione e il riso
Così tu mio giorno
così inesistente e fugace
ti ricapitoli nello sguardo lungo del congedo
perché già Cloto porse lo stame e Lachesi lo filò
e io devo percorrerti ancora una volta
senza paura come chi comincia un gioco
che lo vedrà perdente e già si mette a parlare
con la voce del suo nemico
Per questo mi lascio stringere dalle tue canzoni
ingannare dal crocicchio d’ombra delle favole
allentando le briglie del mio cavallo che va a piacer suo nella notte

Crediti
 • Ferruccio Masini •
 • SchieleArt •  Nudo femminile con calze verdi • 1912 •

Similari
Egon Schiele ⋯ Devo scandire le parole
37% Schiele ArtVito Mancuso
Dopo il terzo segnale in sala si spengono le luci, si apre il sipario ed entra una maschera imprecisata dell’antica commedia dell’arte. «Eccomi qui, davanti a voi, onorato pubblico. Lo sapete? Ora che ho messo piede su questo palcoscenico entrando alla vo⋯
Egon Schiele ⋯ LQualcosa che capita sognando
32% Julio CortázarSchiele Art
Tu che mi leggi, non ti è mai capitata quella cosa che comincia in un sogno e che torna in molti sogni ma che non è quello, non è solamente un sogno? Qualcosa che è lì, ma dove, come; qualcosa che capita sognando, certo, puramente sogno ma dopo anche lì, ⋯
 ⋯Ci sei solo tu
28% Jorge Luis BorgesPoesie
Luna d’avorio, strumenti musicali, lampade e il segno di Durer, le nove cifre e lo sfuggente zero, devo fingere che queste cose esistano. Devo fingere che nel passato c’erano Persepoli e Roma e che una sabbia sottile ha misurato il destino di una torre ch⋯
Egon Schiele ⋯ A uno sconosciuto
28% PoesieSchiele ArtWalt Whitman
Sconosciuto che passi! Tu non sai con che desiderio ti guardo, Devi essere colui che cercavo, o colei che cercavo (mi arriva come un sogno), Sicuramente ho vissuto con te in qualche luogo una vita di gioia. Tutto ritorna, fluido, affettuoso, casto, maturo⋯
Mark Keller ⋯ Fu lungo il mio cammino fino a te
25% Blaga DimitrovaPoesie
Fu lungo il mio cammino fino a te, la vita intera quasi ti cercai per serpeggianti avidi incontri con altri, e tu non venivi. E fino a dove s’apriva il tuo sguardo, ombre attraversai e rumori sordi, ma trapelava da me soltanto purezza di suoni – per amor ⋯
Egon Schiele ⋯ Parole ausiliarie del pensiero
24% Aleksandr LurijaSchiele Art
Più a lungo la mia mente rimugina cercando nella memoria le parole necessarie per esprimere questo pensiero, più diventa difficile ricordare le parole adatte. Ma qualcosa devo pur ricordare, almeno parole approssimative, generiche, non esatte, almeno quel⋯