Il mio sacro poco
In questo mondo di vincitori volgari e disonesti, di prevaricatori falsi e opportunisti, della gente che conta, che occupa il potere, che scippa il presente, figuriamoci il futuro, a tutti i nevrotici del successo, dell’apparire, del diventare. A questa antropologia del vincente preferisco di gran lunga chi perde.
È un esercizio che mi riesce bene.
E mi riconcilia con il mio sacro poco.

Crediti
 • Pier Paolo Pasolini •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Discorso generale sull’essere umano
33% Peter SloterdijkSchiele Art
Uno studio dedicato all’antropologia dell’esercizio non può essere condotto, per ragioni interne, senza schierarsi e senza partigianeria. Ciò dipende dalla circostanza per cui ogni discorso sull’essere umano oltrepassa prima o poi i confini della semplice⋯
Egon Schiele ⋯ Funzione anestetica
31% PsicologiaSchiele ArtUmberto Galimberti
L’uomo ha stabilito che il futuro è sempre positivo. Anche la scienza, che si tende a contrapporre alla religione, pensa che il passato sia male, ignoranza, il presente ricerca e il futuro progresso. Cristianesimo puro. Sotto questo profilo può essere con⋯
Egon Schiele ⋯ Amare gli uomini e amare le cose
30% Schiele ArtUgo Spirito
Perché la pietra che mi è di fronte come realtà diversa dall’uomo, e propriamente come realtà non cosciente di fronte a realtà cosciente, se mi sforzo di comprenderla davvero, a poco a poco perde la sua opacità e si vivifica rivelandosi nella sua struttur⋯
 ⋯ Recensione di Pier Paolo Pasolini
30% ArticoliPier Paolo Pasolini
Un giovane uomo di ventitré anni – un bel ragazzo anche se così pallido e magro – è traumatizzato dall’amore della madre (e per ampliazione, della sorella). La situazione è, per noi, classica: si tratta di una passione infantile edipica. Egli è rimasto im⋯
Egon Schiele ⋯ Atmosfera nichilistica
28% PsicologiaSchiele ArtUmberto Galimberti
I nostri giovani sentono di non aver futuro, vivono in un eterno presente all’insaputa dei loro genitori con i quali non parlano. Vivono l’assoluto presente in diretta ventiquattro ore su ventiquattro perché se guardano avanti non hanno un progetto da rea⋯
Egon Schiele ⋯ Stanchi di diventare giovani seri
28% Pier Paolo PasoliniSchiele Art
Siamo stanchi di diventare giovani seri o contenti per forza, o criminali, o nevrotici: vogliamo ridere, essere innocenti, aspettare qualcosa dalla vita, chiedere, ignorare. Non vogliamo essere subito già così senza sogni.